Home Comunicati Stampa Moby, obbligazionisti: “Supporteremo continuità azienda”. Onorato: “Pronti a discuterne”

Moby, obbligazionisti: “Supporteremo continuità azienda”. Onorato: “Pronti a discuterne”

465
0
SHARE

I bondholder di Moby sono pronti a dare supporto alla compagnia di navigazione per garantirne la continuità aziendale. Il Comitato degli obbligazionisti sottolinea, infatti, in una nota che “la continuità aziendale, la salvaguardia dei collegamenti marittimi e della continuità territoriale, e la conservazione dei posti di lavoro di quella che auspica possa continuare ad essere una primaria compagnia navale italiana, sono essenziali al fine di tutelare il valore aziendale, nell’interesse di tutti gli stakeholder ivi compresi gli obbligazionisti“.

Il Comitato precisa di aver “reso noto a più riprese al management ed agli advisor di Moby la disponibilità degli obbligazionisti rappresentati a sostenere un’adeguata ristrutturazione dei debiti del gruppo – anche a costo di rinunziare a parte dei propri crediti nel contesto dell’operazione – per riportare così l’indebitamento a livelli sostenibili per l’azienda“.

E “uguale disponibilità è stata rappresentata quanto all’apporto di nuova finanza, nel contesto dell’auspicata ristrutturazione, che possa permettere alla compagnia di operare con serenità e con l’obiettivo industriale di acquisire nuove quote di mercato nel medio periodo”, conclude la nota.

Moby risponde così: “Prendiamo atto della volontà del comitato degli obbligazionisti di salvaguardare la principale infrastruttura sul mare italiana – scrive l’azienda in una nota – sorprendendoci, però, di come questa disponibilità arrivi tardivamente e soprattutto a seguito di una istanza di fallimento presentata proprio da alcuni degli obbligazionisti stessi e che, seppur rigettata, è stata proprio la causa che ha indotto le banche a non consentire alla compagnia la realizzazione dell’importante piano industriale condiviso a Febbraio 2019 con queste ultime e sino ad allora rispettato durante l’esercizio”.

Nonostante ciò ed il danno arrecato alla Compagnia – continua la nota – siamo disponibili, come auspicato dagli obbligazionisti, cui l’acquisto delle obbligazioni è stato disponibile a forte sconto sul mercato secondario, a trovare soluzioni condivise a tutela del piano di crescita della Compagnia e della creazione di ulteriori posti di lavoro”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here