Home Rubriche Caro Direttore Caro direttore, dov’è la risposta dell’ASL al caso di malasanità?

Caro direttore, dov’è la risposta dell’ASL al caso di malasanità?

146
0
SHARE

Caro direttore

era la fine di agosto quando il giornale da lei diretto pubblicava un articolo dal titolo “Malasanità all’Elba, l’incredibile lettera della ASL di Livorno” dove l’avvocato Cei, per conto di detta ASL (leggi qui) intimava al suo giornale di rettificare alcune affermazioni in merito alla triste vicenda di un decesso avvenuto sull’isola.

Nella sua risposta al legale, di contro, lei domandava giustamente se il medico in questione fosse ancora in servizio e se fosse stata fatta un’indagine interna. E su questo chiedeva all’Azienda Usl Toscana nord ovest un “subitaneo riscontro”.

Bene, è trascorso più di un mese e mezzo da quello scambio di lettere. E di questo subitaneo riscontro non si è saputo più nulla. è possibile sapere cosa è accaduto nel frattempo?

Per la triste vicenda del decesso del turista avvenuto all’Isola d’Elba – di cui l’azienda USL Toscana nord ovest aveva in carico la responsabilità di cura – l’azienda ha ritenuto che il commento fatto dal Corriere Elbano su quanto accaduto fosse “particolarmente diffamante”.

Riporto qualche riga dalla lettera inviata a lei dall’avvocato Cei e pubblicata sul suo giornale: ”Dopo le necessarie verifiche, tale commento si mostra particolarmente diffamante verso i servizi dell’azienda pubblica scrivente e travalica gravemente il diritto di critica riportando tra l’altro affermazioni, alcune perfino virgolettate, del tutto infondate e non veritiere che minano la fiducia del pubblico verso i nostri servizi e determinano, oltreché una lesione dell’onore dell’ente e dei suoi collaboratori, la pubblicazione e diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico”.

Potrà chiedersi, caro direttore: perché questa mia richiesta? Attraverso l’ospedale (e non solo) l’ASL Toscana nord ovest ha la responsabilità di amministrare servizi per la tutela della salute di tutti noi. E se l’Azienda Usl Toscana nord ovest ha la responsabilità di amministrare servizi per la tutela della salute di tutti noi cittadini, noi cittadini abbiamo il diritto di essere tenuti informati.

Ecco da qui, caro direttore: dal diritto a conoscere da parte di un semplice cittadino, quale è il sottoscritto, è nata la mia richiesta: è possibile sapere cosa è accaduto di questo “subitaneo riscontro”?

Marcello Camici, medico in pensione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here