Home Comuni Rio Terme di Cavo, appello del sindaco Corsini: “Serve un investitore privato”

Terme di Cavo, appello del sindaco Corsini: “Serve un investitore privato”

218
0
SHARE

Incalzato dalla sua stessa minoranza e da un rappresentante del Circolo Pd di Rio Marina e Cavo, il sindaco Marco Corsini, nel giorno dell’assemblea pubblica per fare un bilancio di ciò che è stato fatto in un anno di amministrazione, non ha esitato un istante nel dire che “noi vogliamo assolutamente le Terme a Cavo, ma deve essere un’iniziativa economica privata”. Tema più che attuale, dato che proprio in questi giorni l’Elba ha ospitato la Borsa Internazionale del Turismo Sportivo e del Benessere Termale. Che, in un certo senso, potrebbe quasi far pensare ad una situazione paradossale dato che lo Scoglio di termale ha ben poco per non dire niente.

Se ne parla da qualche anno, ormai. Da quando a Cavo sono state scoperte quelle fonti di acqua termale che al momento insistono su un’area privata. Ma, pronta per essere espropriata, conferma il sindaco rispondendo ad una domanda del consigliere di opposizione Umberto Canovaro, “nel momento in cui si dovesse presentare un investitore privato” con un progetto credibile. Non proprio un’operazione semplice se si pensa che “servono almeno 5 o 6 milioni di euro” e che “gli investitori che ho incontrato fino ad oggi sono molto spaventati dalla capacità del territorio, ancora arretrato, di restituire in termini ragionevoli l’investimento”. Da parte sua, il Comune di Rio, “è pronto a garantire, le condizioni amministrative, ambientali, burocratiche e politiche ottimali per un’operazione economica che sia sostenibile”. E che potrebbe incoraggiare un incremento di presenze sullo Scoglio dato che, e ne è certo Corsini, “nel nostro territorio il turismo non è in crescita, bisogna dirlo. Il turismo va incoraggiato e stimolato. Noi ci stiamo lavorando”.

L’intenzione del primo cittadino sarebbe quella di promuovere un “brand Rio” attraverso la Pro Loco, “perché della Gat non possiamo fidarci. Dobbiamo pensare noi a come promuovere il nostro territorio”. Il sindaco lo ha detto a chiare lettere davanti ai cittadini che hanno riempito la sala del Palazzo Comunale di Rio Marina in occasione dell’incontro pubblico per il bilancio del primo anno di amministrazione. Bilancio positivo (“abbiamo fatto un sacco di cose”) per Corsini, anche se non ha trovato d’accordo Roberto Antonini del Circolo Pd di Rio Marina e Cavo (“dovete ancora iniziare a lavorare. E poi, il porto di Cavo è in gestione a quel circolo di cui tu, sindaco, eri presidente, giusto?”).

Ad ogni modo, tra l’impegno della sua giunta per la nuova Caserma dei Carabinieri (“l’Arma ci ha chiesto delle integrazioni e adesso aspettiamo il suo ok per i lavori”) e la Strada del Piano (“entro il prossimo anno saranno appaltati i lavori”), il primo cittadino ne ha approfittato per mettere la parola fine alle polemiche esplose nei giorni scorsi a proposito dei canoni di affitto chiesti alle associazioni che occupano gli immobili comunali. “Capisco che si tratti di una pratica sgradevole – ha precisato Corsini – ma secondo la Corte dei Conti quelle sono delle somme dovute. La mancata riscossione potrebbe esporre gli uffici comunali ad un danno erariale. L’amministrazione, tuttavia, è aperta ad un confronto con le associazioni per rateizzare gli importi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here