Home Cronaca Palazzo Coppedè, nigeriano stupra 25enne (e l’amico tenta di depistare le indagini)

Palazzo Coppedè, nigeriano stupra 25enne (e l’amico tenta di depistare le indagini)

960
0
SHARE
L'ingresso dello stabile dove è avvenuta la violenza

Rinchiuso nel carcere di Livorno, il nigeriano senza fissa dimora Thompson Jerry è accusato di violenza sessuale per aver violentato ripetutamente una ragazza di 25 anni, sua connazionale, la notte del 18 settembre scorso.

La giovane si è presentata il mattino dopo nella caserma dei carabinieri di Portoferraio accompagnata da un altro connazionale, spiegando di essere stata violentata durante la notte da un ragazzo di colore conosciuto solo poche ore prima.

L’accompagnatore ha spiegato ai carabinieri di non conoscere la vittima, ma di averla vista piangere poco prima in un giardino pubblico di Portoferraio e di averla accompagnata in caserma per aiutarla nella traduzione.

Mentre la ragazza è stata trasportata in ospedale per le cure sanitarie, i carabinieri del Nucleo Operativo si sono attivati alla ricerca del colpevole seguendo le indicazioni date dalla vittima e tradotte dall’accompagnatore.

Ma l’esperienza e l’intuito degli investigatori li ha portati a dubitare immediatamente dell’affidabilità di quell’uomo, il 47enne nigeriano O.O.E., che ha fornito ai carabinieri una falsa traduzione del racconto della ragazza, portandoli in un luogo diverso da quello in cui era invece avvenuto lo stupro. L’uomo è stato denunciato per favoreggiamento personale.

Trovato un interprete fidato, la versione della 25enne è risultata ben diversa da quella “tradotta” in precedenza: arrivata all’Elba solo il giorno prima in cerca di lavoro, si era rivolta con fiducia a Jerry Thompson, 30enne di origini nigeriane, raccomandatole da alcuni parenti.

Dopo aver trascorso la serata insieme a lui e ad un suo amico (quello che poi l’ha accompagnata in caserma) Thompson – che avrebbe dovuto aiutarla a cercare lavoro – l’aveva invece costretta a subire rapporti sessuali solo perché lei non in era grado di restituirgli subito 30 euro anticipati per farla arrivare all’Elba.

La violenza si è consumata all’interno del palazzo Coppedé nella zona portuale.

La 25enne ha spiegato in lacrime che, per porre fine alle violenze sessuali, era stata costretta a contattare una sua amica in Lussemburgo per farsi spedire il denaro tramite circuiti di transazioni finanziarie, così da poterli restituire al suo aguzzino.

Thompson Jerry ora è rinchiuso nel carcere di Livorno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here