CONDIVIDI
Nora Jänicke, film maker e sceneggiatrice cinematografica

Il tappeto rosso c’è già. Così come i fiori disposti sul palco. Tutto pronto per Elba Film Festival, la manifestazione dedicata al cinema indipendente. Soddisfatta ed emozionata l’ideatrice Nora Jaenicke, giovane regista che con il suo film Whales, girato sull’isola, ha vinto tutti i festival più importanti del mondo per la categoria ‘corti’.

Oltre trenta registi in arrivo all’Elba per la prima edizione dell’evento che si svolgerà a Marciana Marina, tra l’Art Hotel Gabbiano Azzurro Due e il Cinema Metropolis. Tra oggi e domani saranno tutti sullo Scoglio. “Chi è già arrivato ne sta approfittando per godersi l’isola nella sua bellezza”. Tra giovani produttori e professionisti del settore, l’obiettivo di Elba Film Festival, spiega Nora, è quello di “incoraggiare chi si sta approcciando a questo mondo perché non è per niente facile lavorare nel cinema indipendente. Il fatto di doversi muovere al di fuori dei confini tracciati dal contesto di produzione hollywoodiano e con a disposizione un budget molto limitato comporta delle difficoltà notevoli per i giovani registi. Queste persone vanno motivate ad andare avanti in questo percorso”.

Il programma. Oggi prima giornata della rassegna. Nella prima parte del pomeriggio saranno proiettati: Artemis and the Astronaut (regia di Alice L. Lee – Usa), Nisa (regia di Barbara S. Mueller – Austria), Azadeh (regia di Mirabbas Khosravinezhad – Iran), Breath of fresh difference (regia di Kamikazi Mpiysi – Rwanda), Snow child (regia di Diana Cignoni – Usa). Nella seconda parte del pomeriggio, altri cinque corti in proiezione. Si tratta di: Trapped (regia di Mohamed Maged – Kuwait), Tumble dry (regia di Stephen Riscica e Delia Kelly – Usa), 9999: Florentine Memoirs (regia di Elettra Fiumi – Usa), Lara ( regia di Gordon Shoemaker – Usa), Boys night (regia di Dave Gillies – Uk). Questa sera altri cinque corti in proiezione: La ricetta della mamma (regia di Dario Piana – Italy), Driver (regia di Mohamed Fard – Iran), [A-LIVE] – From a true story (regia di Alice Rotiroti – Italy), Tungrus (regia di Rishi Chandna – India), Runo (regia di Joakim Juti Merino – Finland).

“Li ho già visti tutti – ci dice Nora poco prima dell’apertura di Elba Film Festival -. Posso assicurarvi che sono bellissimi”. Inutile chiederle se c’è già un corto che, in qualche modo, ha colpito la sua attenzione. “Mi piacciono molto i film legati alle tematiche sulle donne. In particolare ce n’è uno con cui il regista ha dato voce alle donne iraniane che non hanno il coraggio di parlare. Racconta la difficile condizione della figura femminile che non può dire dire la sua rispetto a quello che le accade attorno. Ma questo non vuol dire assolutamente che la donna acconsente a tutto ciò che succede”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here