Home Comuni Capoliveri Assunzioni ‘sospette’ alla Caput liberum, l’opposizione chiede spiegazioni

Assunzioni ‘sospette’ alla Caput liberum, l’opposizione chiede spiegazioni

429
0
SHARE

Esaurito il tempo della breve tregua estiva, a Capoliveri si ripropongono puntuali le scorie post elettorali. La lista civica “Competenze e Valori per Capoliveri”, guidata da Walter Montagna, traccia i due fronti. Il primo tutto interno al palazzo comunale, con l’interpellanza presentata lo scorso 20 agosto per chiedere chiarimenti su alcune assunzioni fatte dall’amministrazione all’interno della partecipata Caput Liberum. Il secondo, invece, si giocherà a Firenze, martedì prossimo, con l’udienza del Tar sul ricorso presentato dalla lista di opposizione per i risultati delle ultime elezioni amministrative.

Con l’interpellanza presentata lo scorso 20 agosto, la Lista civica di opposizione intende far luce su quelle nuove assunzioni all’interno di società partecipate o comunque collegate con l’amministrazione capoliverese. Sostanzialmente i consiglieri di minoranza vogliono vederci chiaro sulle ragioni che hanno portato alla ricerca di nuovo personale a fine stagione. Ma soprattutto capire quali siano stati i requisiti alla base della selezione, “non avendo riscontrato sugli appositi mezzi di comunicazione e pubblicità, siti istituzionali e quant’altro, alcun avviso di selezione, bandi e concorsi”. Ma i dubbi di “Competenze e Valori per Capoliveri” si concentrerebbero soprattutto sull’assunzione di due persone all’interno della partecipata Caput Liberum che sarebbero collegate a persone che nell’ultima tornata elettorale hanno svolto funzione di presidenti di seggio. Una circostanza su cui la lista civica di opposizione, evidentemente, ritiene opportuno ricevere dei chiarimenti. Anche perché si parlerebbe di due persone assunte, la prima a giugno e la seconda ad agosto. Da parte dell’amministrazione comunale, che tuttavia avrebbe ancora qualche giorno di tempo per lavorare sulla risposta all’interpellanza presentata, non trapela nessuna replica. Dalle informazioni che abbiamo raccolto, sembra che la bozza sia già pronta ma il primo cittadino preferisce tenerla ancora strettamente riservata.

Intanto, martedì prossimo la partita si sposta a Firenze, nell’aula del Tribunale Amministrativo Regionale della Toscana. Dove si svolgerà l’udienza per il ricorso che la lista guidata da Walter Montagna ha presentato per contestare “fatti e le evidenze avvenute nei turni elettorali”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here