Home Società Isola d’Elba, meta di vacanza per ragazzi disabili

Isola d’Elba, meta di vacanza per ragazzi disabili

175
0
SHARE

Gabriele e Lorenzo non si conoscevano prima d’ora. Eppure, sono bastati pochissimi giorni, cinque per l’esattezza, per diventare buoni amici. Gabriele e Lorenzo sono due campioni italiani di atletica leggera. A Padova il primo incontro durante le gare nazionali organizzate dalla Fisdir (Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale).

E all’Elba si sono ritrovati, insieme ad altri dodici ragazzi, per trascorrere una vacanza all’insegna dello sport e del benessere. Un campus estivo (sportivo), insomma, come tanti altri. Se non fosse che Gabriele e Lorenzo, due ragazzi con disabilità, non hanno tante occasioni, purtroppo, per vivere momenti come questi.

Eppure, c’è chi con fatica e serietà riesce a garantire una vita normale anche a chi, come loro, trova nel proprio percorso di vita tanti ostacoli da superare. Come Ilaria Marras, responsabile regionale Fisdir e direttore tecnico dell’Acsi Atletica Sport Toscana, associazione che ha reso possibile il campus estivo per tredici ragazzi con disabilità, grazie anche alla collaborazione del gruppo “Incontriamoci In diversi”.

I ragazzi, insieme ai loro accompagnatori, hanno soggiornato nella struttura “Sassi Turchini” a Porto Azzurro. Allenamento tutte le mattine al campo sportivo di San Giovanni. Pomeriggio libero, tra mare e attività ricreative in giro per l’isola.

E la sera? Manco a dirlo. Gelato, due chiacchiere e una bella passeggiata tra le vie dei borghi elbani. Senza mai tralasciare quelle piccole abitudini quotidiane che diamo per scontate. Ma che per loro rappresentano piccoli passi che fanno la differenza. Come il semplice gesto di aiutare ad apparecchiare la tavola, rifarsi il letto, preparare la colazione.

Un progetto, in realtà, che l’associazione sportiva, che ha sede a Montelupo Fiorentino, organizza ormai da diversi anni su tutto il territorio nazionale per aiutare questi ragazzi ad essere autonomi, nello sport così come nella vita di tutti i giorni. E che quest’anno ha voluto testare l’accoglienza e la solidarietà da parte dell’Isola d’Elba. Riscontrando soltanto aspetti più che positivi: «Il centro sportivo è favoloso, l’isola è molto bella e la sensibilità è altissima». Tant’è che, a vacanza ormai conclusa, Ilaria e i quattro accompagnatori dei ragazzi non hanno dubbi: «Siamo stati benissimo, sicuramente torneremo».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here