CONDIVIDI
Foto di repertorio

Giornata da bollino rosso. Con code inevitabili, in entrata ma soprattutto in uscita. Sarà un fine settimana intenso per i trasporti marittimi e per la viabilità su strada. Soprattutto per domani, boom di prenotazioni, che tuttavia non sono ancora completamente chiuse, per le compagnie di navigazione. Circostanza che fa pensare ad un traffico difficile da gestire. Perché se lo scorso week end i passeggeri in transito sulla tratta Piombino Elba sono stati più di 100mila, stando ai dati comunicati dall’Autorità di Sistema portuale, questa volta i passaggi potrebbero registrare un aumento.

Sul fronte della viabilità, però, non cambia nulla. Anche se, il Comune di Portoferraio ha già chiesto la collaborazione da parte delle altre amministrazioni comunali per avere più vigili urbani a disposizione. Domani e domenica le forze dell’ordine in campo dovrebbero essere addirittura triplicate rispetto alle scorse settimane e garantire quantomeno una facile gestione del traffico. Anche se, come spiega l’assessore alla Viabilità portoferraiese, Leo Lupi, “non è possibile predisporre un piano straordinario. Le code saranno inevitabili, perché le uniche strade sono quelle che tutti noi conosciamo. Il suggerimento per i portoferraiesi è quello di servirsi di percorsi alternativi, evitando il più possibile arterie principali come viale Teseo Tesei e viale Zambelli”. Nessun piano straordinario nemmeno da parte dell’Autorità di Sistema Portuale che, comunque, garantirà la presenza dei suoi uomini all’Elba per gestire i flussi in entrata e in uscita.

Dunque, sul fronte della viabilità, non ci saranno grosse novità per questa stagione. Ma l’intenzione del Comune di Portoferraio è quella di lavorare, al più presto, su soluzioni a breve termine e investimenti a lungo termine. Che, a dirla con le parole dell’assessore Lupi, significa “una diversa previsione urbanistica della città, la ricerca di piazzali che possano agevolare lo smistamento delle macchine in viaggio, lo studio di un sistema di mobilità alternativo sul territorio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here