CONDIVIDI

Caro direttore,
sono da poco rientrata dalla mia vacanza estiva all’isola d’Elba e più precisamente a Lacona.

Acqua pulita e trasparente, contrasti di colore incredibili tra acqua, cielo e verde intenso della macchia mediterranea alle spalle del mare, spiaggia splendida.

Tutto questo è però rovinato da una novità che quest’anno ha raggiunto picchi incredibili: i cani.

Sono più di 50 anni che frequento Lacona avendo una casa di vacanza ma, mai come quest’anno, ho contato le varietà e il numero assurdo di cani sulla spiaggia ad ogni ora del giorno sia a passeggio che in mare a fare il bagno.

Dove prima erano solo bambini a giocare sulla spiaggia ora sono più i cani che, oltretutto, fanno anche i bisogni (per fortuna solo liquidi) dove poi i bambini  mettono le loro manine per fare i vari giochi con la sabbia!

Ma non esiste un regolamento? E se sì dove deve essere esposto in bella evidenza?

Grazie per l’attenzione

P.Z.R.

***

Gentile signora,

Una recente sentenza del Tar (n. 176 dell’11 marzo 2019) afferma che i comuni non possono vietare l’accesso dei cani in spiaggia.

Per quanto riguarda il comune di Capoliveri, del quale Lacona fa parte, il regolamento prevede il libero accesso dei cani sulla spiaggia, purché muniti di guinzaglio e museruola, accompagnati dal proprietario (che deve provvedere alla raccolta dei “ricordini”). Il bagno in mare è possibile prima delle 9 del mattino e dopo le 19 di sera.

Io sono un amante dei cani, anche se il mio preferisco tenerlo al fresco, per evitargli colpi di calore.

Chi ha un cane “esuberante”, magari, dovrebbe prediligere spiagge ad hoc, adeguatamente attrezzate (le cosiddette spiagge “dog friendly”) sicuro così di non disturbare i vicini di ombrellone che vorrebbero solo godersi le ferie in tranquillità.

Chi il cane non ce l’ha, magari, potrebbe provare ad essere un po’ più comprensivo nei confronti di animali che al mare sono felici come i bambini al lunapark.

Credo che, come in tutte le cose del mondo, basterebbero buonsenso e tanta, tanta educazione.  

 

 

 

 

4 COMMENTI

  1. Non bisogna far caso a chi si è lamentato dei cani in spiaggia sul post. Soffre di lamentite acuta non solo in spiaggia. Alla stessa persona chiedo: se sulla spiaggia ci fosse un cane da salvataggio che fa la pipi dopo essere venuta a salvarla cosa farebbe..

    • Ma che discorso è? Mica tutti i cani fanno salvataggio, anzi la maggior parte non ne è assolutamente capace. Non è che se un cane dà fastidio va sopportato senza fiatare perché qualche suo lontanissimo parente fa salvataggio. Comunque lamentarsi di pipí al mare è assurdo sia per quanto riguarda i cani che per gli uomini, basta che non si faccia sulla roba altrui e la pipí non fa nulla né nella sabbia (basta buttarcene un altro po’ sopra) né tantomeno diluita nel mare, checché ne dicano i terragnoli che farebbero meglio a andare in montagna

  2. Si, tanta educazione e tolleranza. Anch’io sono stata all’Elba quest’anno e l’anno scorso, e in spiaggia c’erano parecchi cani, non ne ho mai visto nessuno fare pipì e tantomeno altro. Sono stati tutti, e dico tutti (ho anche interagito con loro) educati e non hanno infastidito nessuno, hanno giocato, si sono divertiti e riposati con i loro proprietari. In acqua proprio i cani non riescono ad urinare al contrario degli umani. Ho visto una mamma far fare pipì alla sua bambina di 6/7 anni sul bagnasciuga, perché tanto è solo una bambina. Smettiamola di prendersela sempre con i cani, di schifarsi tanto e stare zitti quando tante persone fanno pattume dappertutto. Anzi si dovrebbe essere contenti che tanti condividono le vacanze con il proprio pet invece di fare come i bastardi che li abbandonano o peggio. In più, oltre a permettere l’ingresso inspiaggia ai cani, l’Elba dovrebbe aprire un pronto soccorso veterinario h24 che al momento non c’è.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here