CONDIVIDI

Parte da Rio un vero e proprio movimento per la promozione dell’animazione sociale che chiama a raccolta tutta l’isola. Per rafforzare le competenze dei giovani attraverso la costituzione di una rete sociale composta da scuola, associazionismo, terzo settore. Sabato 15 giugno, presso il teatro Garibaldi di Rio nell’Elba prende ufficialmente il via il progetto “L’Isola che c’è “. Alle ore 15.30 saranno illustrate le azioni e i tempi del progetto, a seguire presso gli spazi dell’ostello Elba del Vicino, A Rio Marina, si terrà una festa aperta a tutti, durante la quale le operatrici proporranno laboratori ludici ed educativi.

Il progetto L’isola che c’è ha l’obiettivo di ricostruire un contesto sociale capace di. essere comunità educante. Si concentrerà sulla fascia 5-14 anni e sugli adulti che con essi si interfacciano, con il più ampio coinvolgimento della società locale partendo dal volontariato e dagli enti pubblici. La logica del progetto è quella di valorizzare l’esistente, di recuperare il già fatto (ambienti, percorsi, competenze acquisite) ma poco utilizzato e capitalizzarlo come bene comune: strutture già attrezzate, laboratori già attivi, professionalità già formate permetteranno di fare economie e di moltiplicare le opportunità con il budget del progetto. I partner del progetto sono l’istituto Madre Mazzarello, il Comune di Capoliveri, il Comune di Rio, l’istituto Comprensivo Statale G. Carducci di Porto Azzurro, Agedo, Ciofs FP Toscana, Circolo Sandro Pertini, InPerFormat Associazione culturale, Legambiente Circolo Arcipelago Toscano, Municipale Teatro, Opificio Liberarti, ASD Diversamente Marinai, Università di Pisa – Dipartimento di Scienze Politiche.

Le azioni del progetto prevedono l’utilizzo di spazi appartenenti alla scuola e ad altri soggetti partner del progetto a Rio Marina, Rio nell’Elba, Porto Azzurro, Capoliveri, Marciana, Campo nell’Elba per sviluppare attività didattiche tese a migliorare l’offerta formativa e attivare meccanismi di rilancio tra i tempi scolastici ed extrascolastici. In ogni spazio saranno predisposte ludoteche, laboratori per lo sviluppo di competenze specifiche che connoteranno la sede: un laboratorio musicale a Marciana Marina, un laboratorio Lego Education a Rio, un laboratorio scientifico-naturalistico a Campo nell’Elba, un laboratorio media-education a Porto Azzurro. Gli spazi nel Comune di Rio e di Porto Azzurro verranno adibiti a Fablab.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here