Home Politica Marciana, Bulgaresi: “Proseguire nell’ottica di sviluppo”. Barbi: “E’ tempo di cambiare rotta”.

Marciana, Bulgaresi: “Proseguire nell’ottica di sviluppo”. Barbi: “E’ tempo di cambiare rotta”.

273
0
SHARE

Confermare per la terza volta Anna Bulgaresi alla guida del Comune o cambiare rotta, per dirla con le sue stesse parole, insieme a Simone Barbi? E’ quello che si chiederanno i cittadini di Marciana domenica 26 maggio, quando saranno chiamati alle urne per decidere a chi consegnare la chiave del Palazzo comunale.

Dal canto suo, il primo cittadino uscente si dice “fiduciosa e ottimista”, anche perché “la nostra esperienza amministrativa ha maturato idee in un’ottica di sviluppo del nostro territorio, dopo che abbiamo provveduto a risanarlo. Adesso, ci piacerebbe volare un pochino più in alto e realizzare progetti a più ampio respiro, nel segno della destagionalizzazione”. Dall’altra parte, Barbi accende i riflettori sugli “errori fatti dall’amministrazione”. E detta la sua ricetta: “Bisogna lavorare sul decoro urbano, intervenire sul territorio con una manutenzione ordinaria e valorizzare, nell’arco dei cinque anni, il patrimonio culturale di Marciana, sia esso museale, artistico e ambientale”. Ad ogni modo, “la campagna elettorale è andata molto bene – continua Barbi – ho riscontrato un buon seguito tra la gente”.

Al di là di come andranno queste elezioni amministrative, una cosa è certa. Per entrambi i candidati, la raccolta differenziata porta a porta occupa uno dei posti in cima alla lista delle cose prioritarie da portare in discussione. “E’ necessario consentire un conferimento di raccolta di rifiuti che ammorbidisca la rigidità del calendario previsto”, dichiara Barbi. “C’è ancora del lavoro da ultimare, il sogno è quello di portare la tariffa puntuale”, replica Bulgaresi. Insieme alla società partecipata Marciana Civitas. “Costituisce l’elemento cardine della gestione del nostro Comune. La nostra intenzione è quella di potenziarla”, attacca Barbi. “Non c’è dubbio che incrementeremo i servizi della partecipata”, giura Bulgaresi.

Ma sulla visione generale dell’operato, le posizioni sono distanti. “Abbiamo fatto tanto in questi anni – conclude Anna Bulgaresi – e ci piacerebbe proseguire mettendo a disposizione la nostra esperienza, riconoscendo, eventualmente, gli sbagli fatti. Nella lista dei desideri c’è il centro servizi, per il quale siamo già riusciti a firmare la convenzione e ad approvare gli atti necessari. Lavoreremo per la messa in sicurezza del nostro territorio e del patrimonio culturale”. Non la pensa allo stesso modo Simone Barbi: “E’ arrivato il momento di voltare pagina. Abbiamo rilevato troppe carenze, una mancanza di sensibilità da parte dell’amministrazione comunale su determinate tematiche. Al mio fianco c’è un gruppo motivato, trasversale, competente. Persone unite dall’amore per il nostro territorio e dalla voglia di mettersi al lavoro per amministrare questo comune in maniera decisa”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here