CONDIVIDI
portoferraio, porti

Gli ultimi veleni di una campagna elettorale al calor bianco, riguardano la destinazione d’uso e un mancato accordo sull’ex Hotel Massimo. Tra le “grane” di cui il nuovo sindaco e la sua Giunta saranno chiamati ad occuparsi c’è quella del “giallo” di quattro appartamenti promessi al Comune e mai messi a disposizione della Biscotteria.

E’ quanto emerge da una lettera che il sindaco uscente, Mario Ferrari (che non si ripresenterà), aveva scritto ai suoi due assessori Roberto Marini (Urbanistica) e Angelo Del Mastro (Demanio). Senza mai ricevere risposta. Nel momento in cui venne concesso il cambio di destinazione d’uso dell’ex Hotel Massimo, infatti, la proprietà era stata chiamata ad impegnarsi nella messa a disposizione in favore del Comune di questi quattro appartamenti. Impegno mai rispettato. Da qui, la contestazione del sindaco ai due membri di Giunta competenti per il rispetto degli accordi.

Ora, Marini e Del Mastro sono entrambi candidati consiglieri comunali alle prossime elezioni. L’ex vicesindaco e titolare dell’Urbanistica, come capolista a sostegno del candidato sindaco Paolo Di Tursi; Angelo Del Mastro, nella lista dell’aspirante sindaco Simone Meloni. E c’è da giurare che di questa “grana” si tornerà a litigare all’interno della nuova amministrazione, a prescindere da chi vincerà le elezioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here