CONDIVIDI

Ammonta a oltre 262 mila euro il volume d’affari complessivamente nascosto al fisco, nel corso degli ultimi 3 anni, da un ristoratore elbano che ha evaso le imposte per 163 mila euro tra Irpef, Irap e IVA. L’esercente era già noto ai finanzieri per essere incorso in passato in violazioni sulla tracciabilità dei prodotti ittici e in mancate emissioni dello scontrino o della ricevuta fiscale. Si sa soltanto che il ristorante si trova nella costa est dell’isola (e non si capisce il perché dell’assoluto riserbo sul nome del responsabile di questa “brillante” operazione).

Durante l’accesso presso la sede del locale, frequentato da numerosa clientela, soprattutto giovanile, la GdF ha rinvenuto le agende delle prenotazioni digitali da cui è stato ricostruito il giro di clienti del ristorante e l’ammontare complessivo dei corrispettivi. A scoprire l’evasore paratotale sono state le Fiamme Gialle della Compagnia di Portoferraio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here