CONDIVIDI

Oltre cinquanta persone a Norsi per ripulire la spiaggia dai rifiuti abbandonati e da quelli trasportati dal mare. Il “No plastic day”, promosso dall’assessorato dalle politiche del Turismo, agricole e dello sviluppo rurale, e fortemente sostenuto dal Comune, ha dato il via ad un percorso che  promette di salvaguardare e tutelare le coste di Capoliveri. Così, la lista Bene Comune con Andrea Gelsi candidato a sindaco, annuncia che la prossima tappa sarà quella di Lido.

“L’aspetto che per noi deve essere prevalente – ha detto l’assessore Marco Cardenti – non è tanto la la pulizia degli arenili, per motivi di estetica e decoro. Ma il fatto che questi rifiuti, in conseguenza delle grandi mareggiate, sarebbero tornati in mare. Non potevamo permettere che ciò avvenisse”.

Nel “No plastic day” di Norsi sono stati raccolti materiali eterogenei, compreso qualche rifiuto ingombrante, che poi sono stati differenziati e portati via con due camioncini di Esa: polistirolo, per il 50%, poi plastiche e ferro. A fine giornata, la biologa Elisabetta Ricci ha tenuto una relazione pubblica, “illustrando ai presenti l’importante di un comportamento responsabile che deve partire dalle abitudini quotidiane”.

Il prossimo appuntamento con il “Plastic Free Day” è per domani alle 16,00 sulla spiaggia di Lido. Martedì 7 maggio, sarà la volta della spiaggia dell’Innamorata. Il14 maggio si passerà, poi, alla spiaggia di Margidore. Ultima tappa, il 21 maggio, nella spiaggia di Naregno.

1 COMMENTO

  1. Siamo tedeschi e abbiamo una seconda casa all’Elba. Per via del lavoro non possiamo partecipare all’attività plastic free day, ma per me è proprio un affare di cuore, perque vedo con il passare degli anni come il mare si e sporcato. L’Elba come isola dovrebbe darsi anche facendo cosi pubblicita nel mondo piu l’area di una vera isola ecologica. Invece ogni volta quando fai la spesa anche nel conad loro ti gettano le buste di plastica addosso. Con tutti i turisti durante l’estate quelli poi trovi nel mare. Perque non usate sacchetti di carta, di stoffa o basket di stoffa? il primo passo nella direzione giusta. Saluti dalla Germania Claudia Elba

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here