CONDIVIDI
La nave Acciarello della compagnia Blu Navy

Sì, ci sta. Se la tua società si presenta come quella che ha intenzione di aprire l’Isola d’Elba come una scatoletta di tonno e rimettere i soldi in tasca agli elbani, aspettati anche qualche critica se poi disattendi le tue promesse. E’ proprio il caso di dirlo. Perché a leggere i primi commenti tra i social, qualche utente non deve aver gradito il prezzo ritoccato del biglietto Blu Navy. Diciamocelo, dopo gli annunci urbi et orbi sul prolungamento del servizio di collegamento anche ai mesi invernali (la richiesta, ad ogni modo, deve essere ancora formalizzata all’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale) e della tariffa unica senza più distinzione di prezzo tra giorni feriali e festivi (?), la compagnia di navigazione non ha inaugurato la stagione 2019 nel migliore dei modi. Prima, quel maledetto black out che ha costretto il comandante a non mollare gli ormeggi dell’Acciarello (sui social tutti zitti, eh?), facendo saltare la prima corsa del primo giorno di servizio, ora i clienti infuriati per l’aumento del prezzo del biglietto.

Uno dei primi a ventilare una maggiorazione è Aldo che, sul gruppo social “Portoferraio: le foto che non avresti mai voluto vedere”, giustamente posta lo scatto della discordia. Auto e passeggero 35,80 euro, “il 40% in più dello scorso anno” scrive il signor Aldo”. E proprio su questo si sono interrogati in molti. Dov’è finita la promo residenti di Blu Navy, totem della compagnia che tanto ama gli elbani? A passare in rassegna, rapidamente, i commenti più pertinenti (alcuni risultano filtrati), sembra di percepire che qualcosa sia cambiato. “Due anni fa il residente, auto e passeggero, pagava 9,90 euro dal lunedì al venerdì. Nel 2018 la cifra è salita a 12 euro. Ora si paga 17 euro. Un bell’aumento in due anni. Bravissima Blu Navy”, si sfoga Roberto. Insomma, alla faccia della tariffa unica. A questo punto, non resta altro da fare che aspettare, come suggerisce Maria, di confrontare la tariffa infrasettimanale per capire se il prezzo è più basso “come mi è stato detto in biglietteria”. “Grazie per la precisazione – le risponde Aldo – Attendiamo la foto del biglietto”. Sì, anche noi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here