Home Sport Giochi delle Isole Giochi delle Isole, le curiosità

Giochi delle Isole, le curiosità

139
0
SHARE
La delegazione elbana dei Giochi delle Isole 2018

Dal 1997, un’occasione di incontro e confronto

I Giochi delle Isole – Jeux des Iles – sono annoverati tra le manifestazioni sportive più importanti in ambito giovanile. Una sorta di mini olimpiade che ogni anno coinvolge i ragazzi, non ancora maggiorenni, di diverse isole e che prevede competizioni in varie discipline olimpiche.

I Giochi nascono da un’idea del presidente del Comitato Regionale Olimpico e Sportivo della Corsica, Pierre Santoni, mosso dal desiderio di dare ai più piccoli un valido strumento di integrazione sociale. La prima edizione, che si è svolta nel 1997 in Corsica, ha visto soltanto Madeira, Sicilia e Sardegna come isole partecipanti oltre a quella francese. Ma pian piano i Giochi delle Isole hanno preso sempre più piede, guadagnandosi manifestazioni d’interesse da parte di Baleari, Azzorre, Canarie, Malta, Capo Verde (prima isola non europea a partecipare), Creta, Corfù, Martinica, Guadalupa, Wight, Riunione, Mayotte.

L’organizzazione dei Giochi è affidata al Coji, Comité d’organization des Jeux des Iles: i Giochi si svolgono, generalmente, a maggio, nell’arco di cinque giorni, e si tengono in una da una delle isole partecipanti. La prossima, che si svolgerà dal 21 al 26 maggio, sarà la ventitreesima edizione. La prima sull’Isola d’Elba. Anche se lo Scoglio ci aveva già provato, prima nel 2009 poi nel 2013, a candidarsi come isola ospitante della manifestazione sportiva. Ma l’operazione, in quelle due occasioni, non era andata a buon fine a causa della mancanza di risorse economiche.

Lo scorso anno, lo sponsor Toremar e il contributo privato dei genitori hanno permesso all’Isola d’Elba di tornare ad essere protagonista, con una squadra di atleti, della manifestazione sportiva. Lo Scoglio, infatti, mancava all’appuntamento dal 2015. L’assenza era dipesa da un’inadempienza nei confronti del Governo delle Azzorre che vantava un credito mai risanato dalle amministrazioni comunali e che è stato dichiarato estinto. Senza quest’ultima condizione, l’Elba non avrebbe mai potuto partecipare nuovamente ai Giochi delle Isole. E, men che mai, ospitare un’edizione che, al di là di come andrà, è destinata a lasciare il segno.

Lo sapevi che…?

Rafael Nadal e Cristiano Ronaldo. Il primo, un grande campione di tennis, uno dei migliori mai esistiti. Il secondo, una vera e propria celebrità nel mondo del calcio, nonché uno tra i primi 5 della storia. L’uno, dall’indole pacata, profondamente ancorato ai valori della famiglia. L’altro, più incline all’essere narciso, spregiudicato ma allo stesso tempo dal cuore grande. E nonostante le numerose divergenze, in campo e nella vita, il passato dei due campioni dello sport è legato ai Giochi delle Isole. Entrambi, infatti, hanno dato prova di grande talento facendosi notare proprio alla manifestazione internazionale giovanile. Gareggiando, naturalmente, con addosso i colori delle due isole che hanno dato i natali ai due giganti dello sport e che, in qualche modo, grazie a loro da piccole sono diventate grandi.

L’adesivo solidale

Basta anche solo un piccolo contributo per aiutare la delegazione elbana a coprire le spese della squadra per i Giochi delle Isole 2019. L’obiettivo è quello di evitare che i genitori dei ragazzi si mettano, ancora una volta, le mani in tasca per permettere ai loro ragazzi di partecipare alla manifestazione internazionale. E, oltre a questo, coinvolgere tutta la popolazione in un evento che per l’Elba rappresenterà un’occasione più unica che rara.

Per questo motivo il Comitato organizzatore locale, presieduto da Claudio Bianchi, ha pensato ad un adesivo da proporre a tutti i piccoli negozianti in cambio di una cifra simbolica. Il principio è quello della goccia che riempie il mare. Andrea Tozzi, membro del comitato, ha già realizzato il disegno (nella foto).

«Volevamo dare ai cittadini l’opportunità di aderire a questa campagna solidale – spiega Tozzi – con uno strumento che fosse accessibile a tutti. Chiederemo ai negozianti di esporre il nostro adesivo sulla vetrina del loro locale. L’idea è anche quella di incentivare le persone a preferire l’attività che espone il logo». Il disegno riporta una frase significativa: “Tutti insieme con i nostri ragazzi”.

Il Comitato organizzatore locale ha pensato anche alle realtà imprenditoriali più grandi, in grado di dare un contributo maggiore che potrà essere erogato anche in beni e servizi.  «A loro – continua ancora Tozzi – proporremo un pannello con sopra il nostro logo».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here