Home Turismo Trasporti Aeroporto La Pila, è allarme rosso

Aeroporto La Pila, è allarme rosso

1085
0
SHARE

Il 28 marzo scade il bando per garantire la continuità territoriale sull’Isola d’Elba. Anche se per l’ufficialità occorrerà attendere venerdì 29, ormai solo un miracolo potrebbe salvarla.

Di sicuro non c’è stata e non ci sarà mai la fila fuori dalla porta per partecipare a una gara così concepita. E questo nonostante le risorse economiche aggiuntive (250mila euro l’anno stanziati per il triennio) predisposte dall’Enac. Dunque, salvo colpi di scena, anche stavolta sarà un disastro. Con buona pace delle promesse, degli impegni e delle rassicurazioni che, a più riprese, hanno farcito questa vicenda che ormai ha assunto i contorni della farsa.

Ma cosa è successo?

Sebbene la situazione fosse già di per sé difficile, si è riusciti persino a peggiorarla. I soldi in più, infatti, avevano l’obiettivo di rendere “più appetibile” il bando alle compagnie di volo. E invece, insieme alle risorse economiche, sono aumentate anche le richieste di servizi. Con l’ovvio risultato di portare la situazione a quella di partenza. Il che significa che c’è l’altissimo rischio che anche stavolta la gara andrà deserta.

Che dire? Un’altra opportunità persa. Per colpa di chi ha l’ossessione che le compagnie “ci guadagnino troppo”. Dimenticando, però, che in ogni caso il bando prevede che vengano ripianate le perdite fino a un massimo pari al budget. Questo significa che se poi la compagnia non avrà perdite, non prenderà tutti i soldi stanziati dal Governo.

Chi pensa che questo bando “tanto appetitoso” possa far arricchire le “avide compagnie”, si metta il cuore in pace. Non è così. Perché il bando dice chiaramente che le compagnie, qualora lavorassero al top delle condizioni, con tanto di “pienone” a ogni volo, non potrebbero guadagnare più di 47mila euro l’anno. Su 1 milione e passa di costi messi a disposizione.

In sintesi: diciamo addio ai collegamenti aerei. Ne riparleremo ad ottobre.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here