CONDIVIDI

“Le sostanze per il lavaggio dei filtri saranno scaricate nella fognatura pubblica? Forse non sanno che a Mola non c’è nessuna fognatura. Dicono che la condotta sottomarina è alla fine della sua vita progettuale? Sì, è vero. Strano però che se ne stiano accorgendo soltanto adesso. Il presidente del Comitato del ‘No’ al dissalatore di Mola Italo Sapere ribatte, serafico, agli annunci dell’Autorità Idrica Toscana riportati oggi dal quotidiano Il Tirreno. I motivi delle contrarietà all’impianto, restano insomma intatti. E intanto si allunga la diatriba sull’opera sulle prossime amministrative. Perché a Capoliveri, mentre vige il riserbo  più assoluto sui possibili schieramenti in vista della tornata elettorale, il Comitato è motivato ad andare avanti per capire, a dirla con le parole del presidente Sapere “cosa vuol far da grande questa amministrazione”. Che, quasi certamente, non è intenzionata a lasciare le chiavi del palazzo comunale nelle mani dell’opposizione. Il confronto potrebbe avvenire già oggi pomeriggio. Quando al Teatro Flamingo di Capoliveri il Comitato del “no” al dissalatore riunirà, ancora, cittadini e amministrazioni. Questa volta sarà presente anche il direttore dell’Istituto di Biologia ed Ecologia Marina di Piombino che attualmente è al lavoro, sottolinea Sapere, “per cercare di arginare i danni causati dal dissalatore di Ventotene nella provincia di Latina”. E aggiunge: “E’ bene che i nostri cittadini sappiano quali sono le conseguenze di un impianto simile per il nostro ecosistema marino”.

E mentre il Comune di Porto Azzurro, o quantomeno il gruppo di maggioranza, per bocca del suo sindaco Maurizio Papi conferma di essere “assolutamente contrario alla realizzazione del dissalatore perché è un’opera inutile e dannosa”, la posizione del Comune di Capoliveri, agli occhi del Comitato presieduto da Italo Sapere, appare meno evidente. Anche se, dopo l’ultimo incontro pubblico, il sindaco Ruggero Barbetti aveva chiesto ad uno studio legale un parere sul dissalatore, per “accertare definitivamente la correttezza dell’iter giuridico amministrativo seguito al fine di garantire la massima trasparenza dell’azione politico amministrativa di questo ente”. Quale sarà la strada che l’amministrazione comunale intende imboccare, Sapere lo chiederà, senza troppi giri di parole, all’attuale maggioranza che dovrebbe essere presente all’incontro di oggi pomeriggio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here