CONDIVIDI

Cinquantatré anni fa nasceva il primo Lucca Comics; fu quasi per gioco che venne organizzato, una scommessa tra alcuni amanti di fumetti e alcuni disegnatori. Non credo che quelle persone avrebbero mai immaginato il grandissimo successo che avrebbe avuto la loro idea.

Oggi si chiama Lucca Comics and Games, poiché negli anni è andato crescendo, non solo di popolarità, ma proprio come fenomeno socio-culturale.

In principio fu relegato fuori della città vecchia di Lucca, vicino la stazione; poi, questa strana ma meravigliosa creatura prese possesso delle zone verdi fuori e sotto le mura. Quindi, non contenta, si impadronì anche delle mura vere e proprie e poi di parte della città vecchia dentro di esse; oggi viene distribuito per tutta la superficie della città interna, delle mura, dei bastioni, dei prati sotto le mura, dovunque insomma.

Negli anni i fumetti sono stati affiancati da tantissimi altri membri appartenenti al mondo del fantastico; sono arrivati i videogame, i libri, i gadget, la fantascienza, il fantasy, l’horror, i film, le serie tv, i cartoni animati e, cosa più importante, i famosi Cosplay.

Ma cosa sono queste strane “creature” chiamate Cosplay? Chi sono questi misteriosi individui che si aggirano per Lucca vestiti nei modi più strani e bislacchi? Sono semplicemente tanti bei giovani (e spesso anche altrettanti bellissimi non molto giovani) che passano un anno intero a prepararsi un costume relativo ad uno specifico tema, sia esso riguardante un fumetto, un cartone animato, un film o una serie televisiva.

Il loro unico peccato? Volersi divertire in modo pulito e diverso dal solito; è bellissimo vederli sfilare durante quei giorni. Sì perché durante quella settimana di puro delirio bambinesco, tutti i partecipanti del Lucca Comics vengono colpiti dalla sindrome di Peter Pan.

Per i più piccoli è l’occasione di festeggiare un nuovo e particolare carnevale, per i loro genitori è un momento per tornare ragazzi e fare tutto quello che non sono riusciti a fare ai loro tempi; per tutti quelli che hanno superato abbondantemente i sessant’anni un modo per ricordarsi dei bei tempi andati dell’adolescenza e per i ragazzi la possibilità di dimostrare che ci sono ancora tanti giovani che sanno divertirsi in maniera semplice e pulita.

In quei giorni, infatti, il clima che si respira per le strade di Lucca è di puro divertimento; un clima all’insegna della fotografia dei costumi migliori, delle interpretazioni migliori, nonché di tutti i concorsi per la maschera più bella e a tema. Pensate che un paio di anni fa ho incontrato uno spettacolare Gandalf il Bianco di, semplicemente, 87 anni; la più bella rappresentazione dello spirito che anima il Lucca Comics and Games ogni anno.

E poi ci sono tutti i più grandi professionisti del settore. Sì, perché il Comics di Lucca è diventato il più importante evento di questo genere a livello europeo. Ci vengono da tutto il mondo per poter incontrare i propri lettori, i fan più sfegatati e le persone ne approfittano per conoscere i propri beniamini. Famosi attori di film fantasy o di fantascienza, registi di fama mondiale, disegnatori che hanno segnato intere generazioni.

[CONTINUA]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here