CONDIVIDI

La commozione visibile della presidente Stefania Di Chiara, quando viene chiamata a prendere la parola, dimostra quanto lavoro ci sia stato dietro. E quanta forza e quanto cuore per permettere all’Associazione Volontari Caritas del Duomo di Portoferraio di aprire le porte della ‘loro’ casa. Una villa meravigliosa in pieno centro storico a Portoferraio. Il vescovo della diocesi di Massa Marittima e Piombino, Mons. Carlo Ciattini, inaugura, ufficialmente, l’apertura della sede rinnovata spendendo parole di benevolenza e apprezzamento nei confronti, dice, di “questa realtà che oggi si celebra come inizio. Un principio che ci dà speranza”. Senza, però dimenticare “anche le altre parrocchie e realtà dell’Elba che sono di grande supporto alla Chiesa e ai sacerdoti”. E aggiunge: “La Caritas elbana lavora di forza propria. Ha una grande creatività e con le sue opere dimostra grande coraggio delle proprie azioni”. Infine, un ringraziamento a chi “in silenzio ha operato” e un invito a superare i protagonismi.

Nelle ultime settimane i volontari della Caritas hanno lavorato duramente per rimettere in sesto i locali del primo piano della villa, oggi in grado di ospitare otto donne in difficoltà. In più, da circa un mese, i volontari sono riusciti a far partire un centro d’ascolto per rispondere a qualunque tipo di esigenza, sia essa economica o psicologica. Il piano di sotto è perfettamente curato nei minimi dettagli e accoglie l’emporio alimentare, un magazzino con l’abbigliamento donato dai cittadini e un grande salotto con la sua libreria e quell’affaccio suggestivo sul mare.

All’inaugurazione, oltre a Mons. Carlo Ciattini, che ha visitato i locali della villa, erano presenti anche il parroco del Duomo di Portoferraio, Don Sergio, il sindaco Mario Ferrari, il vice sindaco Adalberto Bertucci, gli assessori Fornino e Marini, tutte le volontarie ma soprattutto le donne che da 25 anni portano avanti una realtà come quella della Caritas. Da parte del primo cittadino, c’è stato un forte impegno, economico e morale, a sostenere le iniziative dell’associazione.

Dopo la benedizione, il vescovo si è fermato a salutare e a scambiare qualche parola con volontari e cittadini presenti. Poi, la visita della villa e un breve rinfresco. “Oggi – sorride Mons. Ciattini – è un giorno di festa”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here