Home Rubriche I Fantasy di Orlandini I fantasy di Alessandro Orlandini – Ep. 10 (Breve racconto di fine...

I fantasy di Alessandro Orlandini – Ep. 10 (Breve racconto di fine estate/3)

3465
0
SHARE

«Affare fatto» rispose Anastasia, stranamente serena, come se in cuor suo sapesse che sarebbe andato tutto bene.

Nel mentre Pin si era appoggiato con la spalla sinistra e la sua piccola testolina al fianco destro della ragazza, sospirando. Passarono pochi minuti e, poi, una bellissima stella cadente apparve dinanzi a loro.

Ad Anastasia sembrò che il tempo si fermasse, come se procedesse al rallentatore; la stella cadente aveva una scia colorata come il più intenso degli arcobaleni dopo un classico temporale estivo, la testa di un giallo incredibilmente luminoso.

Quando la stella si spense nel buio della notte, entrambi gli spettatori sospirarono per il bellissimo spettacolo cui avevano appena assistito.

«E adesso cosa succede Pin?» chiese timorosa Anastasia.

«Accadrà una cosa bellissima, perché il tuo cuore è puro e pieno di bontà; esattamente come un’altra persona tanti anni fa».

Quindi Pin pose il suo piccolo dito indice sulla fronte di Anastasia, la quale provò, improvvisamente, uno strano senso di sonnolenza. Poco prima di addormentarsi, alla ragazza sembrò di udire: «Stai tranquilla Anastasia, andrà tutto bene…tutto si risolverà».

Ma poi Anastasia piombò in un sonno ristoratore e avvolgente. L’indomani mattina, quando si svegliò, si ritrovò sotto le coperte della sua camera da letto. Meravigliata di come ci fosse andata a finire, stava per scendere dal letto, quando entrò sua madre sorridendo.

«Buongiorno amore mio, hai dormito bene?»

Ma poi, notando l’espressione di immenso stupore dipinta sul viso della figlia, proseguì chiedendo ancora:

«Va tutto bene Anastasia?».

La figlia rimase in silenzio per qualche istante, poi le domandò: «Mamma, come diavolo ci sono finita a letto? Mi ricordo che ero sugli scogli con…con…con…»

«Veramente ci sei andata da sola. Ieri sera, dopo essere stata sugli scogli per più di due ore, sei rientrata con una strana espressione di serenità sul viso, quindi ti sei precipitata a letto e ti sei addormentata di botto. A proposito e sugli scogli con chi eri?»

Prima di rispondere Anastasia si prese qualche minuto, poi, timidamente disse alla madre: «Giura che non mi prenderai in giro se te lo dico».

«Te lo giuro e poi non mi permetterei mai di prenderti in giro, lo sai».

[CONTINUA]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here