CONDIVIDI

Cari marcianesi, caro Sindaco, ho saputo ieri che un anziano signore, che aveva chiesto al Comandante dei Vigili del paese di poter raggiungere il proprio garage per far salire sull’automobile la moglie con handicap, é stato dallo stesso Comandante denunciato, credo per oltraggio a pubblico ufficiale.

Era la sera del 12 agosto, della festa di Santa Chiara, e il paese si predisponeva all’arrivo di tanta gente. Questo anziano signore chiedeva una deroga al blocco del traffico per riuscire ad entrare nel  garage di casa sua, distante 20 metri dal varco Ztl, e far salire sull’auto la moglie con handicap. Gli veniva risposto che per problemi di sicurezza non era possibile. All’insistenza di questo, ripeto, gentilissimo signore il comandante dei Vigili avrebbe risposto che il nostro sarebbe potuto essere un terrorista e se fosse entrato con l’auto oltre gli sbarramenti avrebbe potuto fare una strage.

Avete capito bene: terrorista!!

Morale: questo gentilissimo signore é stato denunciato dal Comandante dei Vigili per oltraggio a pubblico ufficiale.

Questo fatto é molto grave, Marciana Marina é un posto tranquillo e deve continuare a rimanere tale. Esiste un Comando dei Carabinieri che svolge egregiamente i propri compiti e non si sente nessun bisogno di Vigili Sceriffo con pistole e manganelli che simulino, in una farsa da avanspettacolo, un contrasto con ogni mezzo a chissà che cosa.

Caro Sindaco, credo che sia una ottima occasione perché Lei e la sua Giunta prendiate nettamente le distanze da questo modus operandi e ristabiliate un equilibrio che ultimamente é venuto a mancare. Sarebbe molto bello se riuniste il consiglio comunale e procedeste immediatamente alla modifica del regolamento che dota di arma e manganello i vigili urbani e sostituiste le armi con la dotazione di una auto elettrica predisposta per gli anziani e i portatori di handicap istituendo un numero verde dei Vigili a cui chiamare per essere trasportati in caso di bisogno a casa, alla sera nei ristoranti e di giorno sulle spiagge. Sarebbe un bel gesto a cui non dovrebbe sottrarsi neanche l’opposizione ( caro Ciumei, pensaci!!! ). Questo diventerebbe un motivo in piú per restare a trascorrere le vacanze a Marciana Marina e vedere il lungomare e i ristoranti con tanti portatori di handicap portati e riaccompagnati anche il giorno della festa del paese.

Ma la denuncia al nostro anziano signore dovrebbe essere immediatamente ritirata e porte le scuse di tutta Marciana Marina. In caso contrario vorrei che il Comandante dei Vigili denunciasse anche me ( se gli occorrono i miei dati e riferimenti la redazione che mi ospita é autorizzata a comunicarli ), io penso e sostengo le stesse cose che ha detto e fatto questo signore e se avró modo di conoscere dettagliatamente la denuncia le ripeteró al prode Comandante perché proceda anche contro di me, cosí avró modo di considerare Marciana un posto a me inospitale, decidere la cessione delle mie piccole attivitá e trovare un altro comune dell’Elba o della costa toscana per ambientare le prossime puntate dei Delitti del Barlume. Quello che ho appena detto non é uno scherzo.

Carlo Degli Esposti

8 COMMENTI

  1. Quindi la signora disabile doveva rimanere in casa per una puntigliosa applicazione di un regolamento? Meditate gente, meditate!

  2. Perché i vigili urbani devono fare il servizio di “trasporto” portatori di handicap con auto elettriche??? Allora i carabinieri possono fare la spesa ai non vedenti e la polizia di stato fare da baby-sitter ai genitori che lavorano… forse non è ben chiara la funzione che ognuno svolge, come ammesso dall’autore dell’articolo… meglio informarsi prima di parlare.

  3. Non conoscendo i fatti e gli atti ,della vicenda , si duole dare la giusta informazione sul ruolo della Polizia del Sindaco, la Polizia 👮‍♂️ Locale . In virtù della Legge Quadro del 08 Marzo del 1986 la numero 65 la Polizia Locale è forza, a tutti gli effetti , di Polizia. Conseguenza per cui riveste tutte le funzioni di legge di Corpo o Servizio di Polizia secondo il numero degli addetti. Tutti i compiti socialmente utili, da assolvere dagli uffici competenti, non sono legalmente da far attribuire alla Polizia 👮‍♂️ Locale. Il Comandante Gian Maria Rossetti ha vinto un concorso pubblico e le sue conoscenze professionali sono state accertate.
    Questo intervento non è da attribuirsi a rischio chieste delle parti ma atto unilaterale sindacale. Per abusi commessi, nei ruoli della Polizia Locale , vi è di competenza la Procura di competenza non certamente il soggetto cittadino.
    Pier Paolo Contini
    Dirigente Nazionale S.I.L.Po.L

  4. Dimenticavo … il paladino di Marciana Marina sappia almeno che gli abitanti di Marciana Marina sono “Marinesi” … i “Marcianesi” li trova a Marciana!
    Sa com’è… alcuni ci tengono! …

  5. Gentile produttore,
    Cita e riporta fatti con una cronostoria e fantasia degna di un produttore di film! Complimenti che altro aggiungere se non che oltre a descrivere fatti in modo fazioso e particolarmente omissivo (l’avrei denunciato per oltraggio solo perché insistente secondo lei?), esprime giudizi senza conoscere realmente i fatti non essendo peraltro neppure presente.
    Ciò detto la lascio nel suo mondo di fantasie e critiche di “partito” che ahimè non solo non mi riguardano ma benché meno mi appartengono.
    Il ruolo del comandnte della Polizia Locale è quello di garantire il rispetto delle regole e la sicurezza delle persone chiunque esse siano ricche e potenti ovvero povere e sconosciute.
    Il suo intervento che appare quello del buon “avvocato delle cause perse”, getta fango sulla mia immagine e professionalità, la stessa che ha elemosinato nel corso delle riprese del suo film impiegando il personale della Polizia Locale quale fosse anch’essa al suo servizio.
    Le ricordo che l’educazione la s’impara da piccoli e non riuscirà mai, ahimè questo “Sceriffo”, ad insegnarla benché meno a delle persone più anziane.
    Chieda alle sue fonti cosa abbia spinto lo stesso signore a mostrare le sue scuse alcuni giorni dopo al sindaco e ieri al sottoscritto, evidentemente lo riteneva necessario! Scuse peraltro che sono state da parte mia e del mio collega (entrambi insultati dal signore) accolte benevolmente ma mi duole ricordarle che i reati cui si deve procedere d’ufficio non hanno spazio di “discrezionalità” e se l’oltraggio è stato inquadrato in tale fattispecie evidentemente il legislatore ha fatto valutazioni che ora lei evita opportunamente di fare!
    Buon proseguimento per me la polemica cessa con questo chiarimento.

    Il Comandante la Polizia Locale
    Isp. Gian Maria ROSSETTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here