Home Società De Ferrari ammette l’inutilità dell’Associazione Albergatori

De Ferrari ammette l’inutilità dell’Associazione Albergatori

758
0
SHARE

Oramai e’ una certezza: ogniqualvolta Massimo De Ferrari parla con un giornalista, c’è di che rotolarsi per terra dalle risate. Lui non è in grado di fornire dei dati e la colpa non è mai sua. Sempre di qualcun altro. Parlando con “Il Tirreno”, per esempio, punta il dito contro Regione e Autorità Portuale di sistema.
Eccoli i mascalzoni che non forniscono le cifre per riuscire a fare un bilancio della stagione. Ma, scusi, signor presidente dell’Associazione Albergatori, le sue centinaia di associati non possono comunicarle le presenze sulla base dei cartellini che sono tenuti a compilare all’arrivo dei clienti? E lei perché non gliele chiede?
Certo, sarà sempre un dato parziale, che non terrà conto, degli inquilini -in bianco o al nero- delle case-vacanza o dei turisti giornalieri, ma pur sempre un’indicazione di massima.
E poi, scusi De Ferrari, perché quando si parla con i titolari di hotel e pensioni, non hanno difficoltà a dire che le presenze nella loro realtà ricettiva sono calate del 20/30 per cento rispetto all’anno scorso?
Concludendo: in queste condizioni, vista la certificazione dell’inutilita della sua Associazione, non sarebbe meglio starsene zitti a leccarsi le ferite per una politica promozionale sbagliata?
E restiamo sempre in attesa di conoscere i dati completi e dettagliati dell’anno scorso, quelli che ci aveva promesso mesi fa nella memorabile intervista al nostro giornale…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here