Home Comuni L’Elba, la promozione turistica e la cronica mancanza di pianificazione

L’Elba, la promozione turistica e la cronica mancanza di pianificazione

2021
0
SHARE

Ma chi è quel gran genio della comunicazione che ha speso soldi – si presume tanti, visto che si tratta di un’inserzione su un quotidiano nazionale come Repubblica – facendo pubblicare questo annuncio turistico il 7 di agosto?

Uno spot illuminante sulle bellezze dell’Isola d’Elba. Il “tuo paradiso personale”. Bellissimo. Peccato che ormai chi doveva partire per le vacanze si è già organizzato da tempo. Settimane, se non addirittura mesi fa.

La pagina pubblicitaria è stata realizzata, e quindi pagata, da Visit Elba, portale di promozione turistica della GAT, e quindi questo incredibile spreco di soldi è a carico dei contribuenti. Il famoso milione di euro che Barbetti ha dichiarato di aver speso per la promozione del territorio.

C’è qualcosa, però, che nell’inserzione non si vede. Ma che, nella realtà, si sente benissimo. Ed è la puzza terrificante che aleggia tra l’edificio della Gattaia e la sede espositiva Telemaco Signorini.

Sacchi e sacchi di spazzatura ammassati senza ritegno (men che meno secondo le regole della differenziata) che farebbero sicuramente la loro “sporca figura” in una pagina pubblicitaria. Con buona pace della Cosimo de’ Medici srl che dovrebbe occuparsi della loro raccolta, ma che pare in tutt’altre faccende affaccendata. (leggi qui)

La promozione turistica è sacrosanta. Ma deve essere fatta con criterio, secondo regole ben precise. Una cosa da esperti, insomma. Non da “comunicatori improvvisati”. Perché non c’è peggior lavoro al mondo di quello fatto da chi si crede “esperto”, quando esperto non è. E butta i soldi dei cittadini con la stessa facilità con cui getta in giro i sacchi neri dell’immondizia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here