Home Speciali Bus di ultima generazione in arrivo

Bus di ultima generazione in arrivo

592
0
SHARE

Il parco mezzi è deficitario in tutte le zone”. Intervista a Bruno Bastogi, Capo area servizio Livornese di CTT Nord

La CTT Nord, compagnia toscana che gestisce buona parte dei trasporti pubblici su gomma, si chiama fuori dalle polemiche pre-elettorali. E fornisce tutta una serie di spiegazioni tecniche per escludere che l’Elba sia considerata la Cenerentola regionale nella ripartizione degli automezzi.

É vero che dei 119 mezzi acquistati dal 2015 nessuno è in servizio all’Isola d’Elba?

Sì, è vero. Ma è comunque sbagliato considerare penalizzante una scelta di natura tecnica. Spiego meglio. I mezzi di nuova immatricolazione necessitano di un periodo di rodaggio, entro il quale i problemi di malfunzionamento potrebbero diventare eccessivamente onerosi, in quanto l’Elba non è al momento attrezzata per un’adeguata manutenzione. Inoltre, se mi consente, i mezzi seminuovi portati all’Elba proprio in conseguenza delle nuove immatricolazioni non possono considerarsi vecchi. Hanno circa due anni di servizio, sono comunque mezzi di ultima generazione.

Quindi non è sbagliato dire che “gli studenti dell’Elba siano di serie B rispetto ai loro coetanei pisani o livornesi” come dichiarato dal segretario del PD isolano De Rosas…

No, non strumentalizziamo. Il parco mezzi attuale è deficitario in tutte le zone, di cui l’Elba rappresenta il 12/15%, non di più. In una situazione normale l’età media dei mezzi sarebbe stata inferiore sull’intera area nella quale operiamo, ma in un periodo come quello passato, non sempre è stato possibile.

La verità è che gli ultimi 7 anni sono stati difficili. Si navigava a vista, senza garanzie future, complice la lunga vicenda sull’assegnazione del bando di gara regionale. Gli sforzi dell’azienda per garantire il servizio e mantenere un accettabile livello di qualità sono stati fatti in completa autonomia, anche per quanto riguarda gli investimenti in nuovi mezzi. E non è poco.

Insomma, l’unico criterio ragionevole per assegnare mezzi nuovi e semi-nuovi è stato quello di sopperire alle criticità del momento. Per fortuna da quest’anno c’è un contratto che ci permette di programmare nuovi investimenti.

Anche per mezzi destinati all’Elba?

Certamente. Sempre nei limiti prima descritti, per ciò che riguarda manutenzione e garanzia. L’azienda ha recentemente preso impegni per nuove acquisizioni e l’Elba è parte di questo piano. Avere mezzi funzionali non serve solo a garantire un servizio di qualità migliore, ma permette all’azienda di risparmiare sugli interventi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here