CONDIVIDI

Il 27 gennaio, come ogni anno, viene celebrata la giornata della memoria. Una data che deve far riflettere. E servire per insegnare ai giovani che un orrore del genere non deve ripetersi mai più.

Da un’idea di Ilaria Chirici, professoressa dell’I.S.I.S. Foresi, è nato il laboratorio didattico-teatrale “Le Perle dell’Arcipelago”, che da 2 anni porta in scena lo spettacolo “Chi sono io?”, una rappresentazione in memoria della Shoah. “Per noi, che siamo tutti molto giovani” racconta Sophie Maiocchi, una delle attrici “è sempre un’emozione fortissima interpretare questo tipo di spettacolo.

Il nostro obiettivo è lasciare qualcosa al pubblico, ma soprattutto onorare la memoria di chi ha subito tutto questo”.

Il gruppo conta quasi 35 giovani dell’Istituto, tutti di età compresa tra i 14 e i 18 anni. “Questi ragazzi sono la mia forza” afferma la professoressa Chirici “il loro affiatamento, la loro purezza nei gesti, rende questo lavoro, fatto di grandi sacrifici, un’emozione unica”.

Lo spettacolo viene interpretato anche all’interno del carcere di Porto Azzurro, di cui la Chirici è docente “in quel frangente , vuoi per la situazione o il clima che ricorda la privazione della libertà, i ragazzi hanno avuto un forte impatto emotivo. Hanno reagito in modo eccellente. Sono orgogliosa dei miei ragazzi. Queste sono esperienze che ti cambiano la vita”.

La Shoah, raccontata e recitata attraverso le loro emozioni, trasmette tutto il senso di questa giornata, perchè la memoria possa insegnare ad amare e non più ad odiare.

CONDIVIDI