CONDIVIDI

La stagione 2017-2018 è la prima in serie B per la squadra di calcio a 5 della polisportiva Elba ’97. Un approccio, quello con la nuova categoria, inaspettato e, purtroppo, non dei più felici. Nelle 11 giornate del girone d’andata, solo 3 punti conquistati, con l’ultima partita persa per 8 a 5 contro il Montecalvoli. A non mancare è il tifo del pubblico, sempre presente a incitare la squadra anche nei momenti più difficili. «Sicuramente è stato un impatto forte – spiega il mister, Andrea Linaldeddu – Perché rispetto alla C1, la serie B è un’altra cosa. Vale quasi 2 categorie in più perché tante squadre hanno anche giocatori stranieri, mentre noi abbiamo deciso di puntare sui ragazzi locali, quindi è normale che si soffra».  Quest’anno, infatti, la squadra ha visto numerose defezioni. Da chi ha deciso di lasciare, dopo la storica promozione dello scorso anno, ai tanti infortuni non ancora recuperati, che hanno costretto a inserire i ragazzi dell’under 19. Nonostante i risultati, l’allenatore è comunque fiducioso per il prosieguo della stagione, soprattutto se arriveranno nuovi giocatori a dare manforte alla squadra: «Ho già parlato con la società e siamo d’accordo che faranno qualche sforzo per rafforzare la rosa. Servono almeno due giocatori di esperienza e soprattutto uno che la butti dentro perché esprimiamo un bel gioco, ma non siamo molto lucidi nelle conclusioni». A far ben sperare per il futuro sono i ragazzi dell’under 19, che nel girone F del loro campionato, stanno ottenendo dei buoni risultati sotto la guida di Paolo Criscuolo, capitano della prima squadra: «Sappiamo che ci sono team molto più attrezzati di noi, ma stiamo raggiungendo dei buoni traguardi e puntiamo ai playoff». Il capitano si dice anche fiducioso di raggiungere la salvezza con i suoi compagni: «Stiamo migliorando partita dopo partita e credo che alla fine la forza di volontà ci aiuterà a raggiungere la salvezza». Fiducioso anche mister Linaldeddu: «La classifica giù è corta, quindi niente di assolutamente irrecuperabile. Tre squadre ammazzeranno il campionato, ma il resto è tutto ancora da decidere».