CONDIVIDI

Una giornata da pieno inverno, non ha spaventato i 37 appassionati di running che domenica 10 dicembre si sono presentati a Capoliveri per l’edizione 2017 del ‘Calamita Trail’. La gara è alla sua prima edizione ufficiale dopo le due degli scorsi anni come ci spiega l’organizzatore, Massimo La Rosa: «La gara nasce dalla passione di correre con amici in un luogo che indubbiamente offre degli scenari e dei percorsi eccezionali. Abbiamo già fatto un paio di edizioni che erano, però, un mero allenamento, con poco più di 14 partecipanti. Quest’anno c’è stato il salto di qualità. Visti i due precedenti esperimenti abbiamo deciso di passare a una vera gara». Alla corsa, divisa in due percorsi da 14 e 20 chilometri, hanno partecipato alcuni tra i runner più esperti dell’Isola. Presenti anche alcuni atleti venuti dal Continente. La gara, che prende il nome dal promontorio di Calamita, ha visto i corridori attraversare alcuni dei percorsi più suggestivi del territorio capoliverese passando accanto a dove si trovavano le antiche miniere. Eventi del genere sono l’ideale per destagionalizzare e attirare visitatori anche in bassa stagione puntando sugli sport outdoor: «Oltre alla mountain bike e al trekking la corsa rientra a pieno titolo in una programmazione del genere». Nei due percorsi di 14 e 20 chilometri si sono imposti rispettivamente Salvatore Patanè (1h, 5’, 7’’) e Roberto Minozzi (1h, 32’, 49’’) per gli uomini e Janavi Carta (1h, 28’, 51’’) e Monica Balestrini (1h, 58’, 59’’) per le donne.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here