Home Speciali Hotelba guide

Hotelba guide

5186
0
SHARE

La nuova frontiera della trasgressione? L’Isola d’Elba. Se qualcuno pensa che lo Scoglio sia un luogo solo per classiche famiglie da Mulino Bianco si sbaglia di grosso. Tra anfratti o calette lontane da occhi indiscreti e sentieri ombreggiati a ridosso di qualche scogliera, l’Isola è ormai inserita nell’elenco dei luoghi dove relax, divertimento e ‘caldi’ incontri camminano di pari passo. Online, infatti, esistono siti con tanto di mappe che mostrano i luoghi dove recarsi per passare ore di svago, da single o in coppia. Un anticipo di quello che accadeva all’Elba l’avevamo dato l’anno scorso, raccontando come la spiaggia dei Prunini a Portoferraio fosse meta di chi, per placare i bollenti spiriti, non andava di certo al mare, o dei festini in una villa privata senza alcun limite alla fantasia. Ma con l’arrivo dell’estate gli utenti più ‘hot’ si scatenano, raccontando esperienze personali o indicando punti dove recarsi per soddisfare le proprie ‘esigenze’. Studiandoli ne nasce una vera e propria guida sex della terza isola più grande dello Stivale, abbattendo definitivamente anche gli ultimi tabù. Se prima le coppie più trasgressive si recavano nei party organizzati in gran parte in Continente o all’estero, oggi non sono poche quelle si riversano sulle spiagge dell’Elba per sperimentare brevi flirt in mezzo alla fitta vegetazione al chiaro di luna, anche con sconosciuti. Nella lista delle spiagge più trasgressive, tra miti sfatati e new entry, grazie a internet è facile trovare indicazioni, informazioni e annunci.

Car sex

Tra le nuove mode sullo Scoglio si fa largo il Car parking sex: luoghi appartati on the road in cui fare piacevoli incontri sulla base degli scambi di coppia. Ebbene sì, il turismo all’Elba è composto anche da fidanzati o sposati che puntano la bussola verso un piccolo lembo di terra sterrata a Mola, lungo la strada provinciale che lega Porto Azzurro a Portoferraio, per il più classico ‘battuage’: promiscuità all’aperto. Ad essere frequentato da coppie, single e bisex, è anche un naturale angolo sulla via che da Rio Marina porta a Cavo. Un piccolo piazzale a ridosso della spiaggia di Topinetti: scendendo verso il mare la strada si divide in due, e a destra c’è il lato più ‘appartato’. Per il Car sex esistono delle vere e proprie regole: sono le coppie a scegliere con chi trascorrere qualche ora, e viene esplicitamente richiesto di rispettare l’ambiente non lasciando nulla per strada. Come riconoscersi? I segnali sono vari: dagli abbaglianti che oscillano da tre a cinque scatti alle classiche quattro frecce accese in sosta per lungo periodo, passando per alcuni nastrini rossi o neri legati allo specchietto, lato guidatore. Poi è tutta questione di feeling.

Spiagge per tutti i gusti

Nota a parte è la spiaggia delle Tombe, tra Pomonte e Fetovaia. Se sull’Isola è l’arenile che di fatto porta la ‘nomea’ hot, pochi sanno che gli incontri al tramonto o in notturna avvengono sì in quella zona, ma soprattutto sulla spiaggia di fianco, cioè su quella del Giardino, tra grandi massi franati dalla scura scogliera nel corso del tempo. Lasciando la macchina sulla strada principale è necessario proseguire a piedi per circa dieci minuti, camminando in mezzo alla macchia mediterranea composta per lo più da rosmarino. Un luogo molto appartato, frequentato soprattutto da omosessuali o bisex, indicato tra le top online, così come un sentiero sterrato poco prima della spiaggia del Felciaio. Luoghi per alcuni difficili da raggiungere ma sicuramente lontani da occhi indiscreti, suggeriti da svariati internauti che non hanno badato di certo alla presenza di sassi, qualche cespuglio spinoso e zero luce. Una zona frequentata anche da coppie esibizioniste o natural free, che amano scambiarsi effusioni al contatto con la natura, senza troppi problemi.

Arenili per nudisti

L’Elba, però, oltre a insenature semideserte spesso raggiungibili solo in barca, offre bellissimi arenili frequentati dagli amanti dell’abbronzatura integrale. La più nota è Acquarilli, la spiaggia nella costa occidentale di Capoliveri da qualche tempo dedicata ufficialmente a chi ama godersi il mare come mamma l’ha fatto. Ma i naturisti ogni tanto si recano anche a Canata, spiaggia raggiungibile a piedi superando gli scogli a sinistra dell’arenile di Lacona, o tramite un sentiero che attraversa un camping. Segue la Scogliera delle Piscine, tra Fetovaia e Secchetto. Qui i parcheggi per le auto sono a picco sul mare ma basta scendere qualche metro e acqua trasparente e sole cocente sono serviti. Uno spazio utilizzato dai nudisti è anche tra le spiagge di Barabarca e Zuccale. Per arrivare dov’è possibile godere il contatto con la natura a 360 gradi è necessario prendere il sentiero a ridosso di una staccionata rotta e scendere verso destra, ma gli utenti segnalano come in questi ultimi tre luoghi sia «facile trovare anche famiglie di turisti e bambini», quindi vige sempre la regola del buon senso, invitando tutti a «fare molta attenzione se si notano persone in costume». Lo stesso per la spiaggia delle Tombe, tra Fetovaia e Pomonte. Ovviamente gli angoli frequentati dai nudisti non si relazionano espressamente alla presenza di incontri a luci rosse, ma vengono indicati come luoghi dove poter conoscere persone nuove, con le quali eventualmente ‘approfondire’ la conoscenza in altre sedi.

Chat e applicazioni radar

Mondo a parte è quello delle chat e della più tecnologiche ‘app’. Queste ultime, sfruttando la geolocalizzazione dei cellulari, avvisano della presenza di persone disposte a nuovi incontri, in un raggio d’azione che spazia su tutta l’isola. Applicazioni di tendenza all’Elba, che nei mesi estivi permettono di invitare dal Continente anche escort o transessuali per condividere gite in barca, escursioni o stanze d’albergo. Negli abissi di internet però, tra i commenti c’è anche chi si lamenta di non «aver mai trovato nessuno disponibile a nuove avventure», o chi «non ha capito se quel bacio scambiato dalla coppia sotto l’ombrellone era un segnale o meno». Insomma, un mondo che si muove in parallelo alle vacanze di classiche famiglie, ben lontano dai castelli di sabbia costruiti in riva al mare insieme ai figli. Incontri che avvengono spontaneamente, con il solo intento di passare qualche ora di svago, in pieno consenso dei presenti, senza scambio di soldi o richieste di altro genere, come precisato nei siti italiani hot in cui abbiamo spulciato. Tra gli internauti però, qualcuno commenta la mancanza di locali o bar ‘friendly’ sullo Scoglio: «Perché mai nessuno ha pensato di aprire un locale o pub – si legge sul sito di una nota comunità online – dove tutti possono essere se stessi? In questo modo eviteremmo di recarci solo su spiagge e lidi. Sarebbe bello conoscersi personalmente e sedere al tavolino di un bar in piena tranquillità all’Elba, così come accade nel resto del mondo. Certo l’isola è ospitale con tutti, ma è un vero peccato non avere uno o più punti di riferimento».

Insomma, il divertimento e il fascino del mistero sono i veri protagonisti di queste esperienze tra (ex) sconosciuti, che amano passare notti a ridosso del mare. Incontri che possono avere un seguito, o restare un piacevole ricordo dell’estate. L’Elba si scopre oggi un’isola ‘magica’, apparendo anche in qualche piccante racconto erotico online, grazie a chi ha messo le proprie esperienze, personali o di gruppo, nero su bianco. Una cosa è certa: i tradizionalisti leggendo non troveranno nessun riferimento a luoghi e situazioni. Gli amanti più trasgressivi, invece, capiranno subito dove, come, quando, e soprattutto con chi andare. E a quanto pare, anche con un certo imbarazzo della scelta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here