CONDIVIDI

E’ stato un vero e proprio plebiscito quello che ha visto Maurizio Papi, diventare per la quinta volta sindaco di Porto Azzurro. Il medico di famiglia che aveva già ricoperto la carica di primo cittadino nelle decadi dall’85 al ’94 e dal 2002 al 2012, era considerato alla vigilia il favorito dai pronostici, in quello che in molti hanno definito uno scontro generazionale. A contrapporsi alla lista civica ‘La Vela’, infatti, c’era Daniele Pinotti, imprenditore 33enne, con una lista, ‘Insieme per domani’, caratterizzata dalla presenza di molti under 40. Una candidatura a sorpresa, quella di Pinotti, svelata all’ultimo momento, quando in molti si aspettavano una ricandidatura del sindaco uscente, Luca Simoni. Durante gli scrutini il divario tra i due candidati è stato subito evidente arrivando, a spoglio ultimato, a superare i 500 voti. Alla fine il numero delle preferenze è stato di 1296 per la lista di Papi contro le 768 conquistate da Pinotti. Quello del Comune longonese, inoltre, è stato il più alto afflusso alle urne rispetto a tutti i Comuni della provincia di Livorno. Ha votato, infatti, il 73percento degli aventi diritto. Un dato elevato, seppur in leggero calo se confrontato con le precedenti amministrative quando si recò alle urne il 76percento dei votanti. Uno dei punti fermi della campagna elettorale di Maurizio Papi, è stata la battaglia affinché il porto cittadino rimanga a disposizione del Comune, opponendosi alla gestione dei privati, decisa dalla precedente amministrazione. Un semplice «Grazie a tutti!» è il messaggio di ringraziamento del neo sindaco Papi, postato su Facebook, insieme a due fotografie che lo ritraggono con i componenti della sua squadra.

Tabella web Porto Azzurro