Home Sport Rallye Elba: cinquanta anni e non sentirli

Rallye Elba: cinquanta anni e non sentirli

1100
0
SHARE

Il rombo dei motori ha scaldato il primo weekend di maggio sullo Scoglio, dove tra cronometri e applausi si è svolta la cinquantesima edizione del Rallye Elba Trofeo Bardahl. Isolani e amanti delle quattro ruote provenienti da tutta Italia si sono sfidati in una competizione che ha visto ben quattrocento persone tra partecipanti, organizzatori e volontari, contribuire alla perfetta riuscita della manifestazione che si è confermata, ancora una volta, d’eccellenza. Il rally elbano per l’edizione 2017 ha contato 77 iscrizioni, con 11 vetture World Rally Car e 12 di classe R5, e ha visto salire sul podio i piloti Stefano Albertini, Simone Miele e Paolo Porro. Tecnica e spettacolo sono stati alla base dei cinquant’anni della manifestazione che ha raggiunto ottimi risultati anche dai piloti made in Elba. Un evento che quest’anno ha avuto una novità: la prova speciale in notturna che si è svolta nella zona industriale di Portoferraio, riscuotendo un record di tifosi e spettatori. Soddisfatto il presidente del comitato organizzatore nonché dell’Asd Aci Livorno Sport, Luciano Fiori, che a margine della gara ha commentato: «Il bilancio è più che positivo e il risultato ottenuto dalla prova speciale dice tutto. Positivo anche il bilancio economico per tutta l’isola – sottolinea – che per una settimana è stata presa d’assalto da appassionati, partecipanti, famiglie, tecnici e quanti hanno lavorato alla manifestazione. Stiamo pensando di organizzare anche qualcosa in più, perché il volano sport – economia è importante». E parlando della passione dei residenti per il rally, Fiori incalza: «E’ una competizione che attira persone di tutte le età, alla quale partecipano piloti di calibro nazionale e numerosi elbani. Quando un bimbo nasce sull’isola il rally ce l’ha nel sangue». Poi, parlando di futuro, aggiunge: «La speranza è quella di riportare il campionato assoluto italiano qui. Stiamo lavorando». Due isolani però, possono vantare un primato: aver partecipato alla competizione con una delle due macchine più vecchie. L’equipaggio formato dal consigliere portoferraiese Vincenzo Fornino e dall’elbano Giuseppe Vinci, infatti, è sceso in pista con una Peugeot 205 rally immatricolata nel 1988. «Questa è una gara molto sentita, ed essere arrivati già a partecipare è un grande passo – hanno spiegato ai nostri microfoni – Vogliamo ringraziare tutti, dagli amici che ci hanno aiutato a sistemare la macchina ai commercianti. Inoltre, teniamo molto a dedicare un pensiero a Claudio Caselli, che 25 anni fa vinse il rally dell’Elba».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here