Home Cronaca Margherita Granbassi testimonial della seconda maratona

Margherita Granbassi testimonial della seconda maratona

863
0
SHARE

Grande successo per la seconda edizione della Maratona dell’Isola d’Elba svoltasi lo scorso 7 maggio. A partecipare circa 1300 iscritti di cui 1000 competitivi e 300 dilettanti, suddivisi nelle tre gare principali: la maratona, la mezza maratona e la 10 km. Inoltre la nordic walking, un trekking con guide del posto, che si impegnano a far conoscere più nel dettaglio le bellezze naturalistiche dell’Elba, e la maratona delle famiglie che ha visto anche la partecipazione di un’associazione disabili, venuta direttamente da Roma. Per la prima volta un ragazzo in carrozzina ha partecipato alla corsa, con due uomini che lo hanno trasportato alternandosi ogni due chilometri.

«Uno dei tanti motivi per venire all’Elba è fare sport all’aria aperta – spiega l’organizzatore, Damiano Di Cicco – Penso che la corsa sia la cosa migliore per valorizzare il connubio turismo-sport». Attività di questo tipo sono un ottimo volano per attirare visite anche in bassa stagione. «Ci impegniamo per far crescere il turismo perché l’Elba merita di essere visitata in qualsiasi periodo dell’anno». A trionfare nella gara principale è stato Maurizio Di Paolo che ha completato i 42 chilometri del percorso in 2h 58’ 32’’. Non è riuscito a difendere il titolo il vincitore della prima edizione Roberto Fani, giunto quarto al traguardo. Per le donne ha vinto Lorena Piasta in 3h22’, 18esimo tempo assoluto. Gilio Iannone e Paola Di Tillo, invece, si sono imposti nella mezza maratona, mentre Alessandro Rescigno e Carmen Piani hanno vinto la 10 km. Tra i partecipanti, anche una madrina d’eccezione, la schermitrice Margherita Granbassi. L’atleta azzurra ha partecipato alla 10 km chiudendo in 58’ e 41’’.

«È la prima volta all’Elba e ringrazio tantissimo per la favolosa ospitalità. È un posto meraviglioso dove è stato bellissimo correre. Siamo circondati dal verde, dalla natura e dai profumi per cui non si può che star bene». La Granbassi, non ha dimenticato il suo primo amore, la scherma, «ma credo che ogni sport meriti di essere conosciuto, praticato e vissuto con grande entusiasmo. Quello che cerco di fare adesso, conclusa l’attività agonistica, è condividere con le altre persone la passione e i valori dello sport».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here