Home Cronaca Villa Ottone, nata dall’amore per un figlio malato

Villa Ottone, nata dall’amore per un figlio malato

4004
0
SHARE

Villa Ottone è la storia di un amore. L’amore di due genitori, la marchesa Vittoria Altoviti Avila e del senatore del Regno d’Italia Giuseppe Toscanelli, per il figlio, Giovan Battista detto Bistino, malato di tubercolosi. Da loro fu fatta costruire verso la fine del 1800 (all’interno della struttura antica c’è ancora lo stemma disegnato sul soffitto, su per la scalinata che conduce alle stanze) proprio per avvicinare il giovane all’aria di mare. Fu scelta quella zona dell’Elba. E rimase di loro proprietà fino al 1920, quando il giovane ragazzo morì prematuramente.

Sin dalla sua costruzione, Villa Ottone fu un luogo di ispirazione per molteplici artisti dell’epoca. Uno di questi, Paul Klee che rimase affascinato dalla bellezza dell’Isola d’Elba. Tra i poeti e gli scrittori che vi soggiornarono, Giuseppe Giusti, Edmondo De Amicis e Renato Fucini. Non ultimi alcuni pittori macchiaioli come Telemaco Signorini ed Eugenio Cecconi. Oggi la struttura è gestita da Nicolò Di Mario insieme al padre e alla sorella. Da oltre settant’anni è di proprietà della loro famiglia. Ad acquistarlo per primo fu il bisnonno di Nicolò. Ceduto poi alla nonna Emilia nel periodo della Grande Guerra. Ed è proprio in quel momento che Villa Ottone da residenza privata diventa un vero e proprio albergo. La gestione viene presa dal padre di Nicolò e dallo zio nel 1964. Da giovanissimi iniziano a lavorarci facendone la loro professione.

Da allora Villa Ottone subì tanti cambiamenti. L’ultimo, quello più importante, circa sei anni fa, quando l’hotel fa un salto di categoria diventando una struttura a cinque stelle. Fu quasi un salto nel buio per Villa Ottone. L’Isola d’Elba ancora non conosceva un vero e proprio turismo di alto livello. Ma, alla fine dei conti, le cose andarono per il verso giusto. Dei tempi che furono resta intatto anche il parco di circa 22.000 metri con i suoi alberi secolari. Villa Ottone ospita anche l’Eucalipto più grande e vecchio d’Europa. Si trova all’ingresso della struttura. E’ alto oltre 30 metri e ha una circonferenza di circa 5 metri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here