Home Società Eventi e Cultura Tour elbano de ‘I Birbanti’ con “L’ultima notte del Manoir Saint Germain”

Tour elbano de ‘I Birbanti’ con “L’ultima notte del Manoir Saint Germain”

894
0
SHARE

I giovani e bravi attori del Movimento Artistico “I Birbanti”, portano in scena la commedia teatrale “L’ultima notte del Manoir Saint Germain”. Il primo appuntamento del tour, con ingresso gratuito, è fissato per le 21:30 di venerdì 29 luglio al Teatro dei Vigilanti di Portoferraio, il secondo sempre gratuito e alla stessa ora, domenica 31 luglio all’anfiteatro delle Cave di Rio Marina.

Trama

Il Saint Germain, storico albergo di Parigi, è giunto alla sua ultima notte prima della chiusura. Come tante “ultime notti” si tratta di una notte insonne, non solo per i quattro personaggi che abitano l’albergo: il direttore e sua nipote Trivia, più due ospiti di lungo corso, l’anziana signora Millstein e il depresso Jack Whitman; bensì per tutti i clienti.

Nella camera due troviamo il signor Mills e la sua fidanzata, Jane, arrivati in albergo per portare via l’anziana madre, la signora Millstein, la quale, in tutta risposta, diventa parte integrante dell’albergo in un episodio oltre i limiti della realtà, liberamente ispirato all’Edipo Relitto di Woody Allen. Ad aiutare il povero signor Mills ci penserà Trivia, esperta dell’occulto in cerca di fortuna che lo coinvolgerà in ridicoli rituali.

Nella suite numero tre ci sono invece due uomini: gli amici di vecchia data Francois e Yvan, i quali, un po’ per noia, un po’ per scommessa, un po’ per spirito di avventura e un po’ per indagare su loro stessi, decidono, da eterosessuali, di girare insieme un film porno gay. Dopo diversi tentativi decisamente comici i due si ritroveranno ad interrogarsi sulla loro sessualità e sulla loro vita. Questa storia è invece liberamente ispirata a Do Not Disturb di Yvan Attal.

Nella camera numero sette troviamo invece Jack Whitman, il quale vive in albergo da quando ha perso il padre e rotto con la sua fidanzata, la quale gli telefona per dirgli che lo raggiungerà nel corso della notte. L’incontro riprende il cortometraggio di Wes Anderson Hotel Chevalier rivisto in una chiave totalmente diversa.
Le storie degli ospiti dell’albergo si intrecceranno, con quella personale del direttore a fare da cornice ad un lavoro che, pur giocando su toni molto leggeri, rivela con il passare delle scene una grande profondità, una più che discreta caratura drammatica e un messaggio ben preciso.

L’opera, di chiara ispirazione cinematografica ma che si rifà in realtà a tanta letteratura precedente, è ambientata nel corso di una sola notte, con ritmi e rimandi che richiamano After Dark di Murakami: una sola notte che a tratti assume l’aspetto di una lenta attesa dell’alba, dove nell’arco di poco tempo i destini di tutte queste persone si incrociano, facendo emergere un inatteso senso di umana solidarietà.

L’ultima Notte del Saint Germain è l’ottava produzione de iBirbanti, con un cast giovane (nella produzione sono coinvolte solo tre persone nate prima del 1990) e diretto da Alessandro Onorato

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here