Home Cronaca Guida critica dell’Elba

Guida critica dell’Elba

1835
0
SHARE

Pian piano, i nostri Mystery Client stanno girando in lungo e in largo l’isola, cercando di valutare oggettivamente la qualità-prezzo delle strutture ricettive elbane. L’intento è chiaramente culturale, di progresso. E non, come pensa qualche maligno, un attacco gratuito agli albergatori perché ci stanno antipatici. Il nostro scopo, quello vero, è di riuscire a smuovere le coscienze degli operatori turistici, per farli progredire e spingerli a migliorarsi, per il loro stesso bene e per quello dell’intera comunità, di cui tutti, con ruoli diversi, ma collegati, facciamo parte.

E noi quali competenze abbiamo per giudicare gli altri? Nessuna, ma siamo per la natura del nostro lavoro degli osservatori. Non abbiamo la pretesa di voler salire in cattedra, ma vogliamo solo offrire un punto di vista diverso. E abbiamo notato, grazie all’aiuto dei Mystery Client e alle segnalazioni dei lettori, che uno dei maggiori limiti dell’isola risiede prevalentemente nell’arretratezza e nel mancato ammodernamento delle strutture ricettive. Ferme agli anni 70, ma con dei prezzi molto lontani dai pochi servizi offerti. Il nostro lavoro, dunque, comprende anche il farsi carico di questa ingrata ‘mission’ culturale che ci è stata affidata, allo scopo di aiutare i soggetti più deboli che maggiormente risentono di questa crisi economica. A partire dai lavoratori dipendenti che soffrono, specialmente dopo il taglio delle indennità di disoccupazione, della diminuzione delle giornate lavorative. La stagione estiva, infatti, ogni anno si accorcia sempre di più. A nessuno, però, interessa capire le autentiche ragioni che spingono i turisti italiani e stranieri, i quali erano soliti passare le vacanze sull’isola, a preferire altre mete e non l’Elba. Attraverso le nostre inchieste ci siamo sforzati di analizzare e verificare alcune problematiche che potevano aver causato questa debacle. Un dato è certo, quello che non fa ripartire l’isola è anche la mancanza di unità.

Così abbiamo pensato ad un nuovo progetto editoriale per far sì che le strutture di qualità dell’Elba non vengano danneggiate da quelle che non si sforzano di offrire un servizio degno della categoria millantata. Più che una guida, una mappa multimediale degli hotel e dei ristoranti elbani, frutto delle visite che da qui ad ottobre, i nostri Mystery Client effettueranno nelle centinaia di strutture ricettive sparse per l’isola. I turisti, così, oltre alle recensioni di TripAdvisor, avranno un altro utile strumento per scegliere l’albergo e il ristorante, senza prendere delle ‘sole’, e con la speranza che l’anno dopo tornino a passare le vacanze all’Elba. L’anno prossimo, promettiamo, che se gli alberghi durante l’inverno effettueranno i lavori di ristrutturazione e di adegua mento della categoria ‘dichiarata’, saremo ben felici di aggiornare la nostra guida.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here