Home Comuni Il comando tinto di rosa

Il comando tinto di rosa

1770
0
SHARE

Giuliana Perrini è il comandante del corpo di Polizia carceraria di Porto Azzurro. L’unica donna, o quasi, all’interno della Casa Circondariale dell’isola che ospita solo uomini. Una particolarità, secondo noi, che vale la pena raccontare essendo passati pochi giorni dalla ricorrenza dell’otto marzo.

Comandante donna in un carcere maschile, come ci si trova?

Questa situazione non mi ha mai turbata perché penso, in ogni caso, di essere una persona e quindi cerco sempre di andare oltre al mio essere donna in un contesto lavorativo dove prevale la figura maschile. In questo momento, nell’ambito del mio mandato istituzionale, per me non è rilevante l’appartenenza di genere, abusando di un’espressione ormai diffusa dai media. Io sono, prima di tutto, una persona che cerca di svolgere al meglio la propria professionalità. Poi il fatto di essere donna è un problema della persona con cui interagisco in un dato momento. Ma, a prescindere da questa situazione, io credo, in quanto donna, di essere portatrice di una maggiore sensibilità.

E’ maggiore anche l’autorevolezza?

In questo lavoro, certamente, bisogna che ci sia autorevolezza. Ma questa prescinde dal sesso. O ce l’hai, o non ce l’hai. La donna, probabilmente, potrebbe essere vista come portatrice di una sensibilità maggiore, quindi di un valore aggiunto.

Possiamo dire che lei è più rispettata di un uomo?

Non devo essere io a dirlo. Mi auguro che io sia rispettata per il lavoro che faccio e per il ruolo che ricopro. Ma, ripeto, a prescindere dal fatto che io sia una donna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here