Home Cronaca La storia di Goran e Denver

La storia di Goran e Denver

Carabinieri antidroga a 4 zampe

3738
0
SHARE
Il cane antidroga Goran

I protagonisti di questa nostra storia sono due cani pastori tedeschi arruolati nell’Arma dei Carabinieri. Stiamo parlando di Goran, 10 anni, e il più giovane Denver di soli 3 anni, che la scorsa settimana hanno fiutato nell’intercapedine di un muretto a secco di Marina di Campo, quasi 12 kg di droga, tra hashish, marijuana ed eroina, oltre ad un fucile da guerra con 4 caricatori vuoti. Nella vasta operazione sono state arrestate 2 persone che lavorano a Marina di Campo, mentre un’altra di Portoferraio, è stata denunciata a piede libero. Abbiamo contattato l’Unità Cinofila dei Carabinieri di Firenze, dove vivono e vengono addestrati i nostri 2 eroi a quattro zampe. Ci parla di Goran e Denver il responsabile del reparto, il maresciallo Mauro Torti.

Quanti anni ha Goran?

Goran è il cane più anziano della nostra unità, ha quasi dieci anni, dunque 70 se raffrontati ai nostri, e pesa circa 37 kg.

Ha avuto qualche medaglia al merito per i servigi resi all’Arma?

Al valore militare nessuno, ma il Corriere di Arezzo alcuni giorni fa lo ha premiato come cane dell’anno, perché è stato l’autore di brillanti iniziative anti droga nell’Aretino. E anche lui accompagnato da noi ha ritirato il suo premio che consisteva in un ritratto ad acquerello realizzato dall’artista Alessandro Marrone.

Goran ha un pedigree di razza, scusi volevamo dire un curriculum di servizio di tutto rispetto…

Dove va lui si effettua un arresto. Ha un fiuto eccezionale nello scovare chi è in possesso di droga, anche di quantitativi minimi. Goran è proprio un fenomeno.

Chi li addestra e si prende cura di loro?

Ormai da 6 anni il conduttore di Goran è l’appuntato scelto Mario Cuccu.

Denver invece?

Ha 3 anni e pesa 28 kg. E’ un cane giovane che è operativo da circa un anno e mezzo.

Come scegliete questi cani?

Sono importati prevalentemente dalla Germania, qualcuno dalla Romania. Prima avevamo un allevamento, poi ci siamo resi conto che non conveniva e abbiamo deciso di acquistarli da terzi, dopo che avevano raggiunto otto mesi o massimo un anno.

Come mai solo maschi?

Perché il maschio non ha problemi di stagioni, di tempi ed è operativo h24. La femmina, invece, ha i suoi problemi, per esempio ha i suoi cicli come quando va in calore o deve seguire la cucciolata.

Come li addestrate?

Sfruttiamo l’aspetto ludico del cane e prima di essere immesso nel circuito viene accuratamente selezionato. Non si sceglie a caso, ma deve essere principalmente mansueto e adatto al compito. Il cane si addestra facendolo giocare, ovvero dandogli un suo giocattolo, di solito un manicotto in tessuto spugnoso, inizialmente sterile, poi col tempo viene assimilato alle sostanze stupefacenti, armi, munizioni o polvere da sparo. Viene associato il manicotto all’odore, il cane cerca quest’ultimo e dopo che lo ha trovato gli si dà il giusto premio. Tutto qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here