Home Rubriche I personaggi La vita privata mai raccontata dell’ultimo dei macchiaioli elbani

La vita privata mai raccontata dell’ultimo dei macchiaioli elbani

3079
0
SHARE

Giancarlo Castelvecchi è spirato lo scorso 7 gennaio all’età di 83 anni, confortato dall’affetto di figli, generi e nipoti, nella sua casa di Portoferraio. Da alcuni anni, forse anche a causa della malattia, conduceva un vita ritirata. Lui che amava tanto attorniarsi di amici, e che quando era giovane soleva ballare nelle sale in compagnia della tanto amata Lisanna. La moglie, deceduta alcuni anni fa, è stata una figura centrale nella vita del pittore.

Certamente l’opera d’arte meglio riuscita all’ultimo dei macchiaioli elbani è stata la famiglia. Giancarlo Castelvecchi, infatti, sin da giovane e dopo la morte prematura del padre Luigi, dovette lasciare gli studi all’Accademia delle Belle Arti di Firenze, per lavorare e farsi carico del sostentamento dei fratelli più piccoli. Il quadro lo completa quando conobbe la bellissima e affascinante Lisanna, dalla cui unione nacquero Michele e Ilaria. Il nostro, vuole essere un piccolo tributo all’uomo e all’artista, che ha certamente lasciato un vuoto incolmabile nella comunità elbana, ma che rimarrà immortale grazie ai numerosi dipinti che svelano un’isola dai colori magici e ancestrali. Michele e Ilaria ci hanno accolto nella casa dove l’artista ha trascorso gli ultimi anni della sua vita. E nonostante fossero ancora visibilmente affranti dalla recente perdita del genitore, ci hanno raccontato il loro rapporto con il papà: dall’infanzia fino a quando hanno lasciato la casa natia per creare a loro volta una famiglia. A raccogliere, però, forse, l’eredità e le doti artistiche del Maestro ci penserà il nipote Francesco, figlio di Ilaria, che ama disegnare e colorare. Con un suo disegno ha vinto il concorso sul tema della ‘diversità’, indetto dalla Banca dell’Elba.

L’opera autografa del piccolo Castelvecchi, inoltre, è stata pubblicata in un calendario che tutti noi abbiamo appeso sul muro di casa o in ufficio. Fate attenzione, dunque, in quanto tra qualche anno, quell’essere umano disegnato da Francesco Di Giorgi che stringe la mano ad un alieno, potrebbe valere un sacco di soldi.

Guarda l’intervista a Michele e Ilaria Castelvecchi sul nostro canale Youtube. 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here